I figli della commedia

Quei Belli di papà che tormentano Diego Abatantuono per il ritorno di Guido Chiesa alla scuola di Scola e Monicelli: "Insopportabile il moralismo nei confronti dei giovani”
14 Ottobre 2015
Al cinema, In evidenza
I figli della commedia
Il cast del film

“Il mio ruolo, Vincenzo, è quello di un padre che vuole essere differente da come è stato fino a quel momento. Il mestiere del genitore è difficile, è un’avventura da vivere con caparbietà e entusiasmo. L’educazione è un compito da dividere con tutti. Vincenzo vorrebbe educare ma finisce per essere educato a sua volta.” Così esordisce Diego Abatantuono alla presentazione di Belli di papà, la nuova commedia prodotta da Colorado Film e Medusa e diretta da Guido Chiesa. Vi si raccontano i tentativi di un padre, Vincenzo appunto rimasto vedovo, per riconquistare l’affetto di tre figli tra i 20 e i 25 anni. Proprio Chiesa, alla domanda sui motivi che lo hanno indotto a passare da titoli di forte impegno quali Il partigiano Johnny e Lavorare con lentezza al film di oggi, chiarisce: “La Colorado, con cui collaboravo, mi ha chiesto se ero disponibile ad impegnarmi su storie di taglio più commerciale, pensate per un pubblico vasto. Tra i soggetti proposti, questo era quello in cui di più mi sono riconosciuto. Devo aggiungere che non ho mai avuto avversione per la commedia. Il punto centrale che mi ha convinto è stato il conflitto generazionale padre/figlio”.

“La  nostra commedia – incalza Abatantuono – è giustamente legata a nomi quali Scola, Monicelli, Sordi e altri.  C’è la voglia di lavorare per mantenere quei livelli, e avere a disposizione una certa duttilità di soggetti e realizzatori può essere un vantaggio”.
Chiesa ci tiene a precisare il lavoro svolto rispetto al film messicano cui il soggetto si ispira: “L’originale ha un taglio tipico da soap opera, con inquadrature quasi sempre in primo piano. Una modifica importante è lo spostamento dell’azione principale al Sud. L’intento era quello di fare un film che non prendesse in modo deciso le parti del padre. Con Diego abbiamo costruito un ruolo problematico, a tutto tondo, mirato a far capire che i giovani sono in grado di cavarsela nelle difficoltà”. Chiesa aggiunge: “E’ importante che alla fine il padre chieda scusa ai figli. Ritengo personalmente insopportabile il moralismo di gran parte della attuale classe politica e intellettuale verso i giovani”.

Francesco Facchinetti, per la prima volta su grande schermo nel ruolo di Loris, promesso sposo di Chiara, dice che è stata una grande esperienza, e che il cinema “conserva ancora un grande spazio per la parola e la poesia. Si condivide il lavoro con attenzione mentre la TV è ad esempio piena di mestieranti”.  Della situazione dei giovani parlano gli attori nei ruoli dei tre figli di Vincenzo: Matilde Gioli (Chiara), Andrea Pisani (Matteo), Francesco Di Raimondo (Andrea). Presenti anche Antonio Catania (“Il Rivera del cinema italiano”, lo definisce Abatantuono), Marco Zingaro (Rocco) e Barbara Tabita (Anna), la fiamma giovanile di Vincenzo.
La Medusa porterà Belli di papà in sala il 29 ottobre in 400 copie.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy