Generazione Mollami

“Un film di formazione che parla dei nostri problemi”, dice il regista esordiente Matteo Gentiloni. Ad Alice nella Città con Tognazzi, Guzzanti e Marcorè
18 Ottobre 2019
Eventi, Festival, In evidenza, Tv
Generazione Mollami
@ Giuseppe Di Viesto

“Ho voluto esordire con un film di formazione che parlasse dei problemi della mia generazione”, così il regista Matteo Gentiloni alla conferenza stampa della sua opera prima dal titolo Mollami, presentata oggi in Panorama Italia nella sezione Alice nella città della Festa del Cinema di Roma.

Una storia di adolescenza che tocca argomenti forti in chiave di commedia anche un po’ cattivella e che vede protagonista Valentina (Martina Gatti), una ragazza problematica e dipendente dal PCP, la quale convive con un enorme senso di colpa personificato da Renato, un gigante pupazzo blu parlante, con la voce di Neri Marcorè, che sta sempre al suo fianco.

Sarà il timido Antonio (Alessandro Sperduti), incaricato dal padre di lei di portarla in un rehab in Austria, a cambiare in qualche modo la visione del mondo di Valentina. Nel cast anche Gian Marco Tognazzi e Caterina Guzzanti, rispettivamente nel ruolo del padre e della mamma della giovane protagonista.

Il regista, che ha lavorato come assistente di George Clooney sulla serie Catch-22, ha inserito in questo film non solo questo grande pupazzone (nato dalle ricerche della Factory Makinarium) che è a tutti gli effetti un coprotagonista della storia, ma anche tanti elementi che richiamano direttamente allo spettatore, come cartelli con scritte che commentano le scene e sguardi in macchina dei personaggi. “C’è sempre maggiore libertà nell’uso del linguaggio in ogni serie e film che vedo. Ho rubato tanto a film come Tonya di Craig Gillespie e a serie come Big Mouth, che si prendeva totale libertà nel fare qualsiasi cosa. Il mio è un film che interagisce molto con lo spettatore”, racconta il regista.

“Valentina è una ragazza distrutta e sola, che si porta una sofferenza dentro fin da quando è piccola”, dice Martina Gatti, per la prima volta al cinema, qui interprete di un’adolescente molto diversa da quella che faceva nella serie Skam. E Caterina Guzzanti, qui per la prima volta in un ruolo drammatico, dice: “Ho scoperto che mi piace davvero molto fare parti più tragiche. Voglio fare questo nel futuro. Per interpretare questa mamma ho pensato molto a mio figlio, immaginando di perderlo, abbandonarlo e poi ritrovarlo”.

Mollami è una commedia Sky Original e Italian International Film, prodotta da Fulvio e Federica Lucisano e sarà trasmessa in prima TV domenica 24 novembre alle 21.15 su Sky Cinema Uno.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy