Festa di Roma, tutto il programma

I film di Patierno e Ferraro tra i 16 del concorso. 25 anteprime in Freestyle con le serie Django, Sono Lillo, Romulus 2. Amsterdam e La stranezza in prima linea per il Grand Public. I titoli di Cannes nel Best of. E l'omaggio a James Ivory, premiato alla carriera
22 Settembre 2022
Festival, In evidenza
Festa di Roma, tutto il programma
Amsterdam. Da sinsitra: Rami Malek, Anya Taylor-Joy, Margot Robbie. Photo courtesy of 20th Century Studios. © 2022 20th Century Studios. All Rights Reserved.

Ecco tutti i titoli della selezione ufficiale della 17a edizione della Festa del Cinema di Roma, che si terrà dal 13 al 23 ottobre.

PROGRESSIVE CINEMA

Concorso internazionale specializzato composto da 16 titoli, senza distinzione tra film di finzione, documentari e film in animazione.

ALAM
di Firas Khoury, Francia, Tunisia, Palestina, Arabia Saudita, Qatar, 2022, 110’ | Opera prima | Cast: Mahmood Bakri, Sereen Khass, Mohammad Karaki, Muhammad Abed Elrahman, Ahmad
Zaghmouri, Saleh Bakri
Una scuola superiore in Palestina. Una bandiera palestinese che deve sventolare il giorno dell’Indipendenza di Israele, che per i palestinesi è un giorno di lutto (la “nakba”). Filas Khoury, esordiente nel lungometraggio, gira (in Tunisia, per ovvi motivi) un film che parla di temi universali (amore, amicizia, lotta contro le ingiustizie, ricerca della propria identità, conflitti generazionali) in un contesto dove l’affermazione dei giovani palestinesi è negata da una tragedia che dura dal 1948. E trova la sua forza e originalità nel mostrare come la tragedia è calata nella quotidianità, e nel portare sullo schermo (con empatia, ironia sferzante e senso del paradosso) una nuova generazione trascurata dai media, che resiste orgogliosamente senza usare la logica della violenza.

EL CASO PADILLA | THE PADILLA AFFAIR
di Pavel Giroud, Spagna, Cuba, 2022, 78’ | Doc
“Dì la verità”: si apre con questa frase il nuovo film del cineasta cubano Pavel Giroud, subito seguita da una ripresa del 1983 della tv francese, dove il conduttore sta intervistando Heberto Padilla, il poeta autore della raccolta Fuera de juego con la quale divenne famoso anche in Europa ma per la quale fu arrestato e condannato da Castro. Back al 1971 e al bianco e nero della straordinaria registrazione della ritrattazione della propria opera, il 27 aprile, davanti agli intellettuali e amici membri dell’Uneac (Unione degli scrittori e artisti cubani): oltre due ore di girato, riemerso dopo cinquant’anni da un archivio governativo, che Giroud seleziona e intercala con altri materiali che danno il senso del periodo storico. Mentre Padilla, che ha teatralmente appallottolato il testo del discorso fin dall’inizio, continua nella propria abiura, sempre più sudato e istrionico, in un crescendo di cadenze drammatiche shakespeariane di sconvolgente (e coinvolgente) tensione.

CAUSEWAY
di Lila Neugebauer, Stati Uniti, 2022, 92’ | Opera prima | Cast: Jennifer Lawrence, Brian Tyree Henry, Linda Emond, Jayne Houdyshell, Stephen McKinley Henderson, Russell Harvard, Fred Weller, Sean Carvajal, Will Pullen, Neal Huff
Prodotto e magnificamente interpretato da Jennifer Lawrence, l’esordio alla regia di Lila Neugebauer esplora e racconta con grande sensibilità il modo di affrontare i traumi psicologici e fisici che i soldati riportano in guerra, ma anche le difficoltà, le incomprensioni e le sofferenze che sembrano aver segnato le loro vite precedenti, spingendoli ad arruolarsi e partire per mete lontane, dove i conflitti armati sono cruenti e il futuro incerto e pericoloso. La storia di un’amicizia non semplice, ma tenera e reale, sullo sfondo di un’inedita New Orleans e il ritorno per Jennifer Lawrence a una recitazione semplice, minimalista ma di grande efficacia, che ci riporta indietro a quel memorabile Winter’s Bone degli inizi della sua carriera stellare.

LA CURA
di Francesco Patierno, Italia, 2022, 87’ | Cast: Francesco di Leva, Alessandro Preziosi, Francesco Mandelli, Cristina Donadio, Andrea Renzi, Antonino Iuorio, Peppe Lanzetta
Corso Umberto, il rione Sanità, le Terme, la stazione di Mergellina, l’Hotel Oriente, la Prefettura, strade, angoli, per lo più deserti: Napoli in pieno lockdown. Una città spettrale e fuori dal tempo per la rilettura contemporanea di Francesco Patierno di La peste di Albert Camus, dove i sentimenti, le paure, i conflitti del libro scivolano armoniosamente dentro il disorientamento generato dalla pandemia, e pezzi di realtà, come un uomo disperato che urla di notte per strada, riflettono il testo. Un ospedale e i suoi medici e volontari, i funzionari, i commercianti, le persone normali, tutti si mescolano con una troupe che sta girando un film sulla Peste, in una coralità drammatica asciutta e coinvolgente. Chi vuole scappare. Chi decide di restare. Ma da soli non si resiste alla paura.

La cura

FOUDRE | THUNDER
di Carmen Jaquier, Svizzera, 2022, 92’ | Opera prima | Cast: Lilith Grasmug, Mermoz Melchior, Benjamin Python, Noah Watzlawick, Sabine Timoteo, François Revaclier, Diana Gervalla, Lou Iff, Léa Gigon, Marco Calamandrei
Nell’estate del 1900, dalla pace del convento nel quale da cinque anni sta facendo il noviziato, la diciassettenne Elisabeth è sbalzata, poco prima di prendere i voti, di nuovo a casa, per lavorare la terra, dopo la morte improvvisa della sorella maggiore Innocente. Ma la morte è misteriosa, la famiglia silenziosa e solo tre suoi amici d’infanzia sembrano condividere l’ansia di conoscenza e di libertà di Elisabeth. Immersa nel solare scenario di una valle svizzera, una storia di progressiva affermazione di autonomia, volontà e desiderio, dove la cupezza repressiva dell’ambiente e delle credenze viene progressivamente sfaldata dall’energia vitale dei quattro amici, sempre più complici, sempre più innamorati l’uno degli altri e dei rispettivi corpi.

HOURIA
di Mounia Meddour, Francia, 2022, 104’ | Cast: Lyna Khoudri, Rachida Brakni, Hilda Amira Douaouda
Quasi una metafora dell’attuale situazione dell’Algeria – dove l’Hirak, un imponente movimento politico e civile di opposizione al regime, è stato definitivamente soffocato dalla pandemia ad appena un anno dalla sua nascita – l’ultimo film di Mounia Meddour (Papicha), insieme popolare e sofisticato, racconta la storia di Houria, una ballerina di talento che, dopo aver subito pesanti menomazioni fisiche in seguito ad un grave episodio di violenza, continua la sua eroica resistenza nel perseguire un sogno che sembra impossibile da realizzarsi. Ballare ancora, tra Felicità e Gloria, ballare avvolte nei colori di abiti sgargianti, su una terrazza o su una spiaggia, tutte immerse in una sorellanza ideale di donne che si sostengono a vicenda, intorno a un nucleo di resilienza incrollabile.

IN EINEM LAND, DAS ES NICHT MEHR GIBT | IN A LAND THAT NO LONGER EXISTS
di Aelrun Goette, Germania, 2022, 101’ | Cast: Marlene Burow, Sabin Tambrea, David Schütter, Claudia Michelsen, Jördis Triebel
Primo film di finzione della regista tedesCa Aelrun Goette, nota al pubblico internazionale per il documentario Die Kinder sind tot (Prix Regard Neuf a Visions du Réel 2003). Nel 1988, a pochi mesi dalla caduta del Muro, per una sua foto apparsa casualmente su Sibylle (il Vogue dell’Est), una diciassettenne di Berlino Est si trova immersa nel mondo della moda. Tra fotografi, modelle, nuove idee e stili di vita, il film è basato su fatti realmente accaduti, ispirato all’esperienza di modella della regista stessa tra la fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90 nella Repubblica Democratica Tedesca. Sospesa tra personale e pubblico, sentimenti e coerenza politica, un’opera che strada facendo si trasforma in un energetico inno alla bellezza ed alla libertà.

JANVĀRIS | JANUARY
di Viesturs Kairišs, Lettonia, Lituania, Polonia, 2022, 94’ | Cast: Kārlis Arnolds Avots, Alise Dzene, Baiba Broka, Aleksas Kazanavičius, Juhan Ulfsak, Sandis Runge
Gennaio 1991. Tre aspiranti filmmaker si trovano di fronte all’invasione dei carri armati sovietici che vogliono reprimere l’indipendenza della Lettonia dichiarata il 4 maggio dell’anno prima. Il film di Viesturs Kairišs (che allora aveva diciannove anni) non solo ricostruisce una generazione che sognava il cinema di Bergman, di Tarkovskij e di Jim Jarmusch (di Stranger than Paradise circolano cassette pirata…), era avida di conoscere il mondo e si confrontò con la Storia. Parla del presente e della forza incontenibile della giovinezza, ritrovando la libertà e l’entusiasmo della nouvelle vague e della Nová vlna. Kairišs rende anche omaggio alla figura carismatica di Juris Podnieks, uno dei più promettenti registi lettoni, che morì a quarantadue anni nel 1992.

JEONG-SUN
di Jeong Ji-hye, Corea del Sud, 2022, 105’ | Opera prima | Cast: Kim Kum-soon, Yun Seon-a, Cho Hyeon-woo, Kim Yong-joon
I crimini sessuali digitali sono in crescente aumento in Corea del Sud, dove le vittime affrontano innumerevoli difficoltà nel perseguire azioni legali a causa della disparità di genere e di un’inadeguata risposta al problema da parte del governo. Nell’affrontare questa problematica, divenuta di scottante attualità, la giovane regista Jeong Ji-hye, al suo primo lungometraggio, racconta la storia di un’operaia di mezz’età che, per cultura e inesperienza, si muove incerta nell’universo digitale, vittima silenziosa di soprusi e prevaricazioni all’interno della fabbrica in cui lavora. Uno sguardo acuto ed empatico quello di Jeong Ji-hye, che coglie con precisione la fragilità delle vittime di fronte al potere distruttivo della cyber-violenza, ma ci restituisce anche l’immagine indelebile di un personaggio femminile forte e inconsueto.

LV GUAN | THE HOTEL
di Wang Xiaoshuai, Hong Kong, 2022, 112’ | Cast: Ning Yuanyuan, Ye Fu, Qu Ying, Huang Xiaolei, Worrapon Srisai, Dai Jun, Li Zonghan
Girato in quattordici giorni, con poche risorse finanziarie e molta creatività, l’ultimo film di Wang Xiaoshuai, regista di spicco della cosiddetta “sesta generazione” di cineasti cinesi, è interamente ambientato in un hotel in Thailandia, dove Wang si trovava per caso in vacanza a trascorrere le festività del Capodanno Lunare, a fine gennaio 2020. Impossibilitato a muoversi e non potendo rientrare in Cina a causa del lockdown e dell’interruzione dei voli di collegamento con la madrepatria, il regista decide – insieme ad un gruppo di amici, cineasti, sceneggiatori e artisti costretti, come lui, ad un esilio temporaneo – di girare un film. Una meditazione sui devastanti effetti della pandemia, il film coglie con precisione chirurgica, il senso di intrappolamento, confusione, apatia, la frustrazione crescente e l’instabilità sentimentale che tutti abbiamo provato nei giorni del confinamento.

I MORTI RIMANGONO CON LA BOCCA APERTA
di Fabrizio Ferraro, Italia, Spagna, 2022, 84’ | Cast: Emiliano Marrocchi, Domenico D’Addabbo, Fabio Fusco, Olimpia Bonato, Antonio Sinisi
Quattro partigiani fuggono in mezzo alla neve sull’Appennino dell’Italia centrale, nel 1944. Sono inseguiti, cercano un rifugio, incontrano una ragazza. Drammaticamente ambientata in un contesto storico e politico ben preciso, tuttavia la loro storia si connette, seppur non esplicitamente, con un presente ancora fragile e falcidiato da guerre presenti o echeggianti. Fabrizio Ferraro, regista e sceneggiatore con alle spalle una formazione in scienze del cinema e filosofia del linguaggio, sceglie il bianco e nero per riportarci indietro nella storia, alternando campi larghi a primi piani, dialoghi serrati a voci narranti, intervallati da grandi silenzi e poderosi fruscii. Un film che si rivolge al passato per interrogare la contemporaneità.

I morti rimangono con la bocca aperta

RAMONA
di Andrea Bagney, Spagna, 2022, 80’ | Opera prima | Cast: Lourdes Hernández, Bruno Lastra, Francesco Carril
Madrid come Manhattan: sontuosi scorci della città in bianco e nero sottolineati dalla musica di Tchaikovsky. Si apre così, con un omaggio al capolavoro di Woody Allen, il film d’esordio della regista spagnola Andrea Bagney, una storia d’amore (e di amori) tutta costruita intorno alla protagonista, aspirante attrice trentenne in cerca del senso della vita, ora bionda ora bruna, ora entusiasta ora dubbiosa, ora innamorata del boyfriend Nico ora attratta dal regista Bruno. Dal bianco e nero della vita al colore della messa in scena (dove, tra l’altro, Ramona replica monologhi di Diane Keaton in Io e Annie e di Julie Delpy in Prima dell’alba), la commedia romantica si snoda tra chiacchiere, passeggiate e nevrosi, trascinata dalla protagonista Lourdes Hernandez, nota in Spagna come cantautrice con lo pseudonimo Russian Red.

RAYMOND & RAY
di Rodrigo García, Stati Uniti, 2022, 100’ | Cast: Ethan Hawke, Ewan McGregor, Maribel Verdú, Tom Bower, Vondie Curtis Hall, Sophie Okonedo
Due fratellastri, uniti da un padre con cui avevano un rapporto quanto meno contrastato e al cui funerale devono partecipare: Ewan McGregor (che gioca contro il suo tipico ruolo) e Ethan Hawke. Un regista-sceneggiatore colombiano, Rodrigo Garciá, figlio di Gabriel García Márquez, che ha esordito come regista nel 2000 con Le cose che so di lei (premio di Un certain regard a Cannes), e ha spesso collaborato con Alfonso Cuarón (che di Raymond & Ray è uno dei produttori) e Guillermo del Toro. Una grande capacità di reinventare i generi (road movie, commedia, family drama) e di costruire personaggi di cui innamorarsi. Come quelli interpretati da Maribel Verdú e da Sophie Okonedo, dove García mostra di essere uno dei migliori direttori di attrici del cinema  contemporaneo.

Raymond & Ray

SANCTUARY
di Zachary Wigon, Stati Uniti, 2022, 96’ | Cast: Margaret Qualley, Christopher Abbott
Un uomo nella suite di un hotel di lusso. Bussa alla porta una ragazza, bionda, bella, in tailleur professionale, che lo sottopone a un’intervista formale. Via via che le domande si fanno più personali, il gioco si chiarisce: Rebecca è una escort dominatrix, Hal il suo ricco cliente, pronto a tutto, anche a pulire ogni centimetro del bagno in mutande. Ma questo è solo l’inizio del nuovo romantic thriller di Zachary Wigon, che ha già lavorato sugli inganni, i trucchi, i buchi neri dei rapporti uomo-donna in The Heart Machine. Chiusi in una stanza, Margaret Qualley (figlia di Andie MacDowell e autostoppista hippie in C’era una volta a Hollywood) e Christopher Abbott (Piercing, la serie Girls) rimbalzano tra giochi erotici, rimbrotti, minacce, ricatti, svelano lati oscuri, ansie e fragilità, mentre macchina da presa e dialogo virano dall’erotico al noir. Ma tutto, compreso il finale, è imprevedibile.

SHTTL
di Ady Walter, Francia, Ucraina, 2022, 109’ | Opera prima | Cast: Moshe Lobel, Antoine Millet, Saul Rubinek, Anisia Stasevich, Pyotr Ninevsky, Daniel Kenigsberg, Emily Karpel
1941: il giovane Mendele è entusiasta di lavorare nel cinema a Odessa, ma torna nel suo paese (“shtetl”, in yiddish) in Ucraina, al confine con la Polonia, dove il suo amore di sempre sta per sposare il figlio del rabbino. E questo il giorno prima dell’invasione nazista. L’esordiente argentino Ady Walter usa il piano-sequenza e il bianco e nero (anche se la continuità spazio-temporale è infranta da flashback a colori) come strumenti per calare lo spettatore dentro la realtà di un mondo ebraico sull’orlo della tragedia, tra ricostruzione filologica e allusione al presente. A parlare yiddish è un cast internazionale, tra cui Saul Rubinek (Gli spietati), che recita per la prima volta in questa lingua. Il villaggio è stato interamente ricostruito a sessanta chilometri da Kyiv, con l’intenzione di diventare, dopo le riprese, un museo a cielo aperto. La grafia del titolo è un omaggio al romanzo “La sparizione” di Perec, dove scompare la lettera “e”, per alludere a un altro vuoto.

LA TOUR | LOCKDOWN TOWER
di Guillaume Nicloux, Francia, 2022, 89’ | Cast: Angèle Mac, Hatik, Ahmed Abdel-Laoui, Kylian Larmonie, Merveille Nsombi, Nicolas Pignon
Una signora di colore una mattina esce dal torreggiante condominio di periferia in cui abita e viene inghiottita dal nero, un velario scuro, una nebbia, un’entità che divora chiunque si avventuri all’esterno da porte o finestre. Isolati dal mondo esterno, ecco i diversi gruppi famigliari: coppie e single, vecchi e bambini, gatti e cani di diversa taglia. E soprattutto bianchi, neri e nordafricani, divisi per piani e per etnie, più o meno armati e, mentre le scorte alimentari e idriche si assottigliano, più o meno decisi a conquistare la sopravvivenza e il dominio con la forza. Regista e sceneggiatore, Guillaume Nicloux affronta il distopico con un occhio a J. G. Ballard (Condominio, ma non solo) e uno allo spirito caustico di Michel Houellebecq, del quale nel 2014 mise in scena il “rapimento” e che è ringraziato nei titoli di coda.


Qui il programma completo


FREESTYLE

Sezione non competitiva composta da 25 titoli di formato e stile liberi, dalle serie ai video clip, dai  film alla videoarte.

75 – BIENNALE RONCONI VENEZIA di Jacopo Quadri, Italia, 2022, 84’ | Doc

AMATE SPONDE di Egidio Eronico, Italia, 2022, 78’ | Doc

BASSIFONDI di Francesco Pividori, Italia, 2022, 94’ | Opera prima | Cast: Gabriele Silli, Romano Talevi

LA CALIFORNIA di Cinzia Bomoll, Italia, Cile, 2022, 100’ | Cast: Piera Degli Esposti (voce narrante), Silvia Provvedi, Giulia Provvedi, Lodo Guenzi, Eleonora Giovanardi, Alfredo Castro, Andrea Roncato, Riccardo Frascari, Enrico Salimbeni, Andrea Montovoli, Lorenzo Ansaloni, Andrea Mingardi, Angela Baraldi, Stefano Pesce, Stefano Fregni, Paola Lavini, Nina Zilli

DANIEL PENNAC: HO VISTO MARADONA! di Ximo Solano, Spagna, Italia, 2022, 82’ | Doc

DARIO FO: L’ULTIMO MISTERO BUFFO di Gianluca Rame, Italia, 2022, 90’ | Doc

DREI FRAUEN UND DER KRIEG | TRAINED TO SEE – THREE WOMAN AND THE WAR di Luzia Schmid, Germania, Italia, 2022, 106’ | Doc

LA DIVINA COMETA di Mimmo Paladino, Italia, 2022, 96’ | Cast: Tomas Arana, Mimmo Borrelli, Ferdinando Bruni, Luigi Credendino, Francesco De Gregori, Elio De Capitani, Nino D’Angelo, Cristina Donadio, Giovanni Esposito, Giuliana Gargiulo Alessandro Haber, Enzo Moscato, Ginestra Paladino, Sergio Rubini, Luca Saccoia, Peppe Servillo, Toni Servillo, Eliot Sumner, Tonino Taiuti, Giovanni Veronesi, Sergio Vitolo

DJANGO – LA SERIE di Francesca Comencini, Italia, Francia, 2022, 2 episodi, 100’ | Serie | Cast: Matthias Schoenaerts, Nicholas Pinnock, Lisa Vicari, Noomi Rapace

ENRICO CATTANEO / RUMORE BIANCO di Francesco Clerici, Ruggero Gabbai, Italia, 2021, 32’ | Doc

ER GOL DE TURONE ERA BONO di Francesco Miccichè, Lorenzo Rossi Espagnet, Italia, 2022, 85’ | Doc

JANE CAMPION, LA FEMME CINÉMA | JANE CAMPION, THE CINEMA WOMAN di Julie Bertuccelli, Francia, 2022, 100’ | Doc

JAZZ SET di Steve Della Casa, Caterina Taricano, Italia, 2022, 73’ | Doc

THE LAST MOVIE STARS di Ethan Hawke, Stati Uniti, 2022, 6 episodi, 441’ | Serie | Doc

LIFE IS (NOT) A GAME di Antonio Valerio Spera, Italia, Spagna, 2022, 90’ | Doc

LOLA di Andrew Legge, Irlanda, Regno Unito, 2022, 80’ | Opera prima | Cast: Stefanie Martini, Emma Appleton, Rory Fleck Byrne, Aaron Monaghan

LOUIS ARMSTRONG’S BLACK & BLUES di Sacha Jenkins, Stati Uniti, 2022, 104’ | Doc

LOUIS ARMSTRONG’S BLACK & BLUES

LYNCH / OZ di Alexandre O. Philippe, Stati Uniti, 2022, 108’ | Doc

IL MALEDETTO di Giulio Base, Italia, 2022, 112’ | Cast: Nicola Nocella, Ileana D’Ambra, Gianni D’Addario, Andrea Sasso, Lucia Zotti, Samuele Carrino

NINO MIGLIORI. VIAGGIO INTORNO ALLA MIA STANZA di Elisabetta Sgarbi, Italia, 2022, 42’| Doc

LA PAZ DEL FUTURO di Francesco Clerici, Luca Previtali, Italia, Regno Unito, 2022, 80’ | Doc

ROMULUS II – LA GUERRA PER ROMA di Matteo Rovere (ep. 1), Enrico Maria Artale (ep. 2), Italia, 2022, 2 episodi, 100’ | Serie | Cast: Andrea Arcangeli, Francesco Di Napoli, Marianna Fontana, Valentina Bellè, Emanuele Di Stefano, Max Malatesta, Vanessa Scalera (ep. 2), Sergio Romano

SELF–PORTRAIT AS A COFFEE POT di William Kentridge, Sudafrica, Stati Uniti, 2022, 3 episodi, 110’ | Serie | Doc

SONO LILLO di Eros Puglielli, Italia, 2022, 3 episodi, 84’ | Serie | Cast: Lillo Petrolo, Pietro Sermonti, Cristiano Caccamo, Sara Lazzaro, Camilla Filippi, Marco Marzocca, Maryna, Paolo Calabresi, Anna Bonaiuto

SOUVENIR D’ITALIE di Giorgio Verdelli, Italia, 2022, 94’ | Doc


GRAND PUBLIC

Sezione non competitiva dedicata al cinema per il grande pubblico, per un totale di 16 titoli.

FILM DI APERTURA: IL COLIBRÌ di Francesca Archibugi, Italia, Francia, 2022, 126′ | Cast: Pierfrancesco Favino, Kasia Smutniak, Bérénice Bejo, Laura Morante, Sergio Albelli, Alessandro
Tedeschi, Benedetta Porcaroli, Massimo Ceccherini, Fotiní Peluso, Francesco Centorame, Pietro Ragusa, Valeria Cavalli, Nanni Moretti
Il film sarà preceduto dalla proiezione del cortometraggio: LUCIANO PAVAROTTI, LA STELLA di Gianluigi Toccafondo, Italia, 2022, 2’

AMSTERDAM di David O. Russell, Stati Uniti, 2022, 134’ | Cast: Christian Bale, Margot Robbie, John David Washington, Alessandro Nivola, Andrea Riseborough, Anya Taylor-Joy, Chris Rock, Matthias Schoenaerts, Michael Shannon, Mike Myers, Taylor Swift, Zoe Saldaña, Rami Malek, Robert De Niro

ASTOLFO di Gianni Di Gregorio, Italia, 2021, 97’ | Cast: Gianni Di Gregorio, Stefania Sandrelli, Alfonso Santagata, Alberto Testone, Mauro Lamantia, Agnese Nano, Simone Colombari, Andrea Cosentino, Biagio Forestieri, Mariagrazia Pompei, Francesca Ventura, Gigio Morra

BROS di Nicholas Stoller, Stati Uniti, 2022, 115’ | Cast: Billy Eichner, Luke Macfarlane, Guy Branum, Miss Lawrence, Ts, Dot-Marie Jones, Jim Rash, Eve Lindley, Monica Raymund, Guillermo Díaz, Jai Rodriguez, Amanda Bearse, Debra Messing, Bowen Yang, Harvey Fierstein

BUTCHER’S CROSSING di Gabe Polsky, Stati Uniti, 2022, 105’ | Cast: Nicolas Cage, Fred Hechinger, Xander Berkeley, Rachel Keller, Jeremy Bobb, Paul Raci

ERA ORA di Alessandro Aronadio, Italia, 2022, 109’ | Cast: Edoardo Leo, Barbara Ronchi, Mario Sgueglia, Francesca Cavallin, Raz Degan, Massimo Vertmüller, Stella Trotta, Sofia Piacentini, Nina Bianchini Zoni, Noa Bianchini Zoni, Andrea Purgatori

THE LOST KING di Stephen Frears, Regno Unito, 2022, 108’ | Cast: Sally Hawkins, Steve Coogan, Harry Lloyd, Mark Addy

The Lost King

THE MENU di Mark Mylod, Stati Uniti, 2022, 107’ | Cast: Ralph Fiennes, Anya Taylor-Joy, Nicholas Hoult, Hong Chau, Janet McTeer, Judith Light, John Leguizamo

MRS. HARRIS GOES TO PARIS | LA SIGNORA HARRIS VA A PARIGI di Anthony Fabian, Regno Unito, Ungheria, 2022, 115’ | Cast: Lesley Manville, Isabelle Huppert, Lambert Wilson, Alba Baptista, Lucas Bravo, Ellen Thomas, Rose Williams, Jason Isaacs

L’OMBRA DI CARAVAGGIO di Michele Placido, Italia, Francia, 2022, 120’ | Cast: Riccardo Scamarcio, Louis Garrel, Isabelle Huppert, Micaela Ramazzotti, Tedua, Vinicio Marchioni, Lolita Chammah

IL PRINCIPE DI ROMA di Edoardo Falcone, Italia, 2022, 92’ | Cast: Marco Giallini, Giulia Bevilacqua, Filippo Timi, Sergio Rubini, Denise Tantucci, Antonio Bannò, Liliana Bottone, Massimo De Lorenzo, Andrea Sartoretti, Giuseppe Battiston

RAPINIAMO IL DUCE di Renato De Maria, Italia, 2022, 98’ | Cast: Pietro Castellitto, Matilda De Angelis, Tommaso Ragno, Isabella Ferrari, Alberto Astorri, Maccio Capatonda, Luigi Fedele, Coco Rebecca Edogamhe, Maurizio Lombardi, Lorenzo De Moor, Luca Lo Destro, Filippo Timi

Robbing Mussolini. Matilda De Angelis as Yvonne in Robbing Mussolini. Cr. Sara Petraglia/Netflix © 2022

RHEINGOLD di Fatih Akın, Germania, Paesi Bassi, Marocco, Messico, 2022, 140’ | Cast: Emilio Sakraya, Kardo Razzazi, Mona Pirzad, Arman Kashani, Hüsein Top, Sogol Faghani

LA STRANEZZA di Roberto Andò, Italia, 2022, 103’ | Cast: Toni Servillo, Salvo Ficarra, Valentino Picone, Giulia Andò, Rosario Lisma, Aurora Quattrocchi, Donatella Finocchiaro, Galatea Ranzi, Fausto Russo Alesi, Filippo Luna, Tuccio Musumeci, Luigi Lo Cascio, Renato Carpentieri

WAR – LA GUERRA DESIDERATA di Gianni Zanasi, Italia, Francia, 2022, 130’ | cast: Edoardo Leo, Miriam Leone, Giuseppe Battiston, Carlotta Natoli, Stefano Fresi, Antonella Attili, Massimo Popolizio

WHAT’S LOVE GOT TO DO WITH IT? di Shekhar Kapur, Regno Unito, 2022, 109’ | Cast: Lily James, Emma Thompson, Shazad Latif, Shabana Azmi, Sajal Aly, Oliver Chris, Asim Chaudhry, Jeff Mirza, Alice Orr-Ewing


PROIEZIONI SPECIALI

Sezione non competitiva per un totale di 11 titoli.

LES ANNEES SUPER-8 | THE SUPER 8 YEARS di Annie Ernaux, David Ernaux-Briot, Francia, 2022, 60’ | Doc

A COOLER CLIMATE di James Ivory, Giles Gardner, Regno Unito, 2022, 75’ | Doc

GOOD MORNING TEL AVIV di Giovanna Gagliardo, Italia, 2022, 91’ | Doc

KILL ME IF YOU CAN di Alex Infascelli, Italia, 2022, 90’ | Doc

КОРДОН KORDON (CONFINE) di Alice Tomassini, Italia, 2022, 67’ | Doc

ORA TOCCA A NOI – STORIA DI PIO LA TORRE di Walter Veltroni, Italia, 2022, 102’ | Doc

POLAŃSKI, HOROWITZ. HOMETOWN di Mateusz Kudła, Anna Kokoszka-Romer, Polonia, 2021, 75’ | Doc

RITRATTO DI REGINA di Fabrizio Ferri, Italia, 2022, 77’ | Doc

RULES OF WAR di Guido Hendrikx, Paesi Bassi, 2022, 53’ | Doc

UMBERTO ECO – LA BIBLIOTECA DEL MONDO di Davide Ferrario, Italia, 2022, 80’ | Doc

VIA ARGINE 310 di Gianfranco Pannone, Italia, 2022, 70’ | Doc


BEST OF 2022

Sezione non competitiva composta da 11 film provenienti da altri festival internazionali, considerati tra i migliori della stagione.

ALL THAT BREATHES di Shaunak Sen, India, Stati Uniti, Regno Unito, 2022, 94’ | Doc

LES AMANDIERS di Valeria Bruni Tedeschi, Francia, 2022, 126’ | Cast: Nadia Tereszkiewicz, Sofiane Bennacer, Louis Garrel, Micha Lescot, Clara Bretheau, Noham Edje, Vassili Schneider, Sarah Henochsberg, Eva Danino, Liv Henneguier, Baptiste Carrion-Weiss, Alexia Chardard, Léna Garrel, Oscar Lesage, Suzanne Lindon

AS BESTAS di Rodrigo Sorogoyen, Spagna, Francia, 2022, 137’ | Cast: Luis Zahera, Marina Fois, Diego Anido, Denis Menochet

CORSAGE di Marie Kreutzer, Austria, Lussemburgo, Germania, Francia, 2022, 112’ | Cast: Vicky Krieps, Florian Teichtmeister, Katharina Lorenz, Colin Morgan, Jeanne Werner, Alma Hasun, Manuel Rubey, Finnegan Oldfield

COUPEZ! | CUT! ZOMBI CONTRO ZOMBI di Michel Hazanavicius, Francia, Giappone, 2021, 112’ | Cast: Romain Duris, Bérénice Bejo, Grégory Gadebois, Finnegan Oldfield, Matilda Lutz, Sébastien Chassagne, Raphaël Quenard

L’ENVOL | LE VELE SCARLATTE di Pietro Marcello, Francia, Italia, Germania, 2022, 99’ | Cast: Juliette Jouan, Raphaël Thiery, Noémie Lvovsky, Louis Garrel, Yolande Morea

Juliette Jouan in Le vele scarlatte

L’INNOCENT di Louis Garrel, Francia, 2022, 99’ | Cast: Roschdy Zem, Anouk Grinberg, Louis Garrel, Noémie Merlant

KLONDIKE di Maryna Er Gorbach,Ucraina, Turchia, 2022, 100’ | Cast: Oxana Cherkashyna, Sergey Shadrin, Oleg Scherbina, Oleg Shevchuk, Artur Aramyan, Evgenij Efremov

RABIYE KURNAZ GEGEN GEORGE W. BUSH | MAMMA CONTRO G. W. BUSH di Andreas Dresen, Germania, Francia, 2022, 119’ | Cast: Meltem Kaptan, Alexander Scheer, Charly Hübner, Nazmi Kirik, Abdullah Emre Öztürk, Şafak Şengül

TRIANGLE OF SADNESS di Ruben Östlund, Svezia, Germania, Francia, Regno Unito, 2022, 142’ | Cast: Harris Dickinson, Charlbi Dean, Woody Harrelson, Vicki Berlin, Henrik Dorsin, Zlatko Burić, JeanChristophe Folly, Iris Berben, Dolly De Leon, Sunnyi Melles, Amanda Walker, Oliver Ford Davies, Arvin Kananian, Carolina Gynning, Ralph Schicha

WALAD MIN AL JANNA | BOY FROM HEAVEN di Tarik Saleh, Svezia, Francia, Finlandia, Danimarca, 2022, 126’ | Cast: Tawfeek Barhom, Fares Fares, Yunud Albayrak


STORIA DEL CINEMA

Sezione non competitiva dedicata agli omaggi, ai film in versione restaurata e all’approfondimento della storia del cinema italiano e internazionale con 23 titoli.

TRENI
Il cinema è l’arte del movimento e cinema e treni sono le due invenzioni che hanno sconvolto il XIX secolo e rivoluzionato la storia dell’uomo. Non casualmente i pittori impressionisti hanno sperimentato la loro nuova lingua nelle allora nuove stazioni parigine, inseguendo il movimento delle locomotive e del fumo che da essere fuoriusciva. Non casualmente il film più famoso dei fratelli Lumière, non il primo ma quello che in qualche modo rappresenta la loro invenzione, è L’Arrivée d’un train à La Ciotat. Per questo, in occasione della mostra “La memoria delle stazioni”, realizzata da Archivio Luce  Cinecittà in collaborazione con Fondazione FS Italiane e curata dalla Presidente di Cinecittà Chiara Sbarigia, abbiamo immaginato due Blob, in apertura e chiusura della Festa: apriremo con una raccolta (della stessa durata dei programmi Lumière, ossia trenta minuti) delle più iconiche scene di “arrivi” della storia del cinema, e chiuderemo con le più famose “partenze”. Forse potete immaginare con quale scena apriremo e con quale chiuderemo…


OMAGGIO A JAMES IVORY – PREMIO ALLA CARRIERA 2022

Proiezioni speciali
A COOLER CLIMATE di James Ivory, Giles Gardner, Regno Unito, 2022, 75’ | Doc

MAURICE di James Ivory, Regno Unito, 1987, 140’ | Versione restaurata | Cast: James Wilby, Hugh Grant, Rupert Graves, Ben Kingsley, Denholm Elliott, Simon Callow

Retrospettiva Ms. Woodward and Mr. Newman
MR. & MRS. BRIDGE di James Ivory, Regno Unito, Stati Uniti, Canada, 1990, 126’ | Cast: Paul Newman, Joanne Woodward, Blythe Danner, Simon Callow, Kyra Sedgwick, Robert Sean Leonard

THE REMAINS OF THE DAY | QUEL CHE RESTA DEL GIORNO di James Ivory, Stati Uniti, Regno Unito, 1993, 134’ | Cast: Anthony Hopkins, Emma Thompson, James Fox, Christopher Reeve, Peter Vaughan, Hugh Grant

A ROOM WITH A VIEW | CAMERA CON VISTA di James Ivory, Regno Unito, 1985, 117’ | Cast: Helena Bonham Carter, Maggie Smith, Julian Sands, Daniel Day-Lewis, Judi Dench, Simon Callow


OMAGGIO A MARISA PAREDES – Giurata del Premio “Ugo Tognazzi” alla Miglior commedia

TACONES LEJANOS | TACCHI A SPILLO di Pedro Almodovar, Spagna, Francia, 1991, 112’ | Cast: Victoria Abril, Marisa Paredes, Miguel Bosé, Ana Lizaran, Mayra O’Wisiedo, Cristina Marcos, Miriam Díaz Aroca | Versione restaurata da TF1. Per gentile concessione di Cecchi Gori Entertainment


OMAGGIO A JEAN-LUC GODARD

Scelto e presentato da Michel Hazanavicius

UNE FEMME MARIÉE | UNA DONNA SPOSATA di Jean-Luc Godard, Francia, 1964, 95’ | Cast: Bernard Noël, Macha Méril, Philippe Leroy, Christophe Bourseiller, Roger Leenhardt | Restauro: Gaumont


RESTAURI

L’ANATRA ALL’ARANCIA di Luciano Salce, Italia, 1975, 105’ | Cast: Ugo Tognazzi, Monica Vitti, Barbara Bouchet, John Richardson | Restauro: Infinity+

A NOI! di Umberto Paradisi, Italia, 1922, 55’ | Doc | Restauro: Archivio Luce

AMORI DI MEZZO SECOLO – EP. 3 “DOPOGUERRA 1920” di Mario Chiari, Italia, 1954, 15’ | Copia proveniente da: CSC-Cineteca Nazionale. Per gentile concessione di Minerva Pictures.

Presentato da Ruben Östlund e Ricky Tognazzi
LA GRANDE BOUFFE | LA GRANDE ABBUFFATA di Marco Ferreri, Francia, Italia, 1973, 130’ | Cast: Marcello Mastroianni, Ugo Tognazzi, Michel Piccoli, Philippe Noiret, Andréa Ferréol,  Monique Chaumette | Restauro: Cineteca di Bologna e Cité Films. Per gentile concessione di Myra Films

Presentato da Gianni Amelio
IL LADRO DI BAMBINI di Gianni Amelio, Italia, Francia, 1992, 134’ | Cast: Enrico Lo Verso, Valentina Scalici, Giuseppe Ieracitano, Renato Carpentieri, Florence Darel, Marina Golovine |
Restauro promosso da Giovanni Saulini per Red Post Production. Realizzato presso il laboratorio L’Immagine Ritrovata con la supervisione di Gianni Amelio.

Presentato da Christian De Sica
LA PORTA DEL CIELO di Vittorio De Sica, Italia, 1945’, 88’ | Cast: Marina Berti, Elettra Druscovich, Giuseppe Forcina, Massimo Girotti, Giovanni Grasso, Roldano Lupi | Restauro realizzato dal Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale e Associazione Officina Cultura e Territorio, in collaborazione con Azione Cattolica Italiana, nei laboratori di Cinecittà, ed è stato promosso da Centro Internazionale di Ricerca CAST – Catholicism and Audiovisual Studies di UniNettuno con il supporto dell’ISACEM – Istituto per la storia dell’Azione cattolica e del movimento cattolico in Italia Paolo VI.


DOCUMENTARI

In occasione della proiezione de La porta del cielo sarà presentato: ARGENTO PURO di Matteo Ceccarelli, Italia, 2022, 42’ | Doc

C’ERA UNA VOLTA IL CINEMA AZZURRO SCIPIONI di Lorenzo Negri, Italia, 2022, 95’ | Doc

CLAUDIA di Franck Saint-Cast, Francia, 2022, 75’ | Doc

L’ESTATE DI JOE, LIZ E RICHARD di Sergio Naitza, Italia, 2022, 86’ | Doc

I MAGNIFICI 4 DELLA RISATA di Mario Canale, Italia, 2022, 90’ | Doc

PASOLINI, CRONOLOGIA DI UN OMICIDIO POLITICO di Paolo Angelini, Italia, 2022, 120’ | Doc

IL SOGNO DI UNA COSA di Leonardo Ferrari Carissimi, Italia, 2021, 46’ | Doc

STENO di Raffaele Rago, Italia, 2022, 75’ | Doc

I VESTITI DEI SOGNI di Luan Amelio, Italia, 2022, 20’ | Doc

VIRNA LISI – LA DONNA CHE RINUNCIÒ A HOLLYWOOD di Fabrizio Corallo, Italia, 2022, 82’ | Doc


RETROSPETTIVA -MS. WOODWARD AND MR. NEWMAN

BUTCH CASSIDY AND THE SUNDANCE KID di George Roy Hill, Stati Uniti, Messico, 1969, 110’ | Cast: Paul Newman, Robert Redford, Katharine Ross, Strother Martin, Henry Jones, Jeff Corey

EFFECT OF GAMMA RAYS ON MAN-IN-THE-MOON MARIGOLDS | GLI EFFETTI DEI RAGGI GAMMA SUI FIORI DI MATILDA di Paul Newman, Stati Uniti, 1972, 100’ | Cast: Joanne Woodward, Nell Potts, Roberta Wallach, Judith Lowry, David Spielberg, Richard Venture

A FINE MADNESS | UNA SPLENDIDA CANAGLIA di Irvin Kershner, Stati Uniti, 1966, 104’ | Cast: Sean Connery, Joanne Woodward, Jean Seberg, Patrick O’Neal, Colleen Dewhurst, Clive Revill

THE FUGITIVE KIND | PELLE DI SERPENTE di Sidney Lumet, Stati Uniti, 1960, 119’ | Cast: Marlon Brando, Anna Magnani, Joanne Woodward, Maureen Stapleton, Victor Jory, R.G. Armstrong

THE GLASS MENAGERIE | LO ZOO DI VETRO di Paul Newman, Stati Uniti, Canada, 1987, 134’ | Cast: Joanne Woodward, John Malkovich, Karen Allen, James Naughton

HUD | HUD IL SELVAGGIO di Martin Ritt, Stati Uniti, 1963, 112’ | Cast: Paul Newman, Melvyn Douglas, Patricia Neal, Brandon De Wilde, Whit Bissell, Crahan Denton

THE HUSTLER | LO SPACCONE di Robert Rossen, Stati Uniti, 1961, 134′ | Cast: Paul Newman, Jackie Gleason, Piper Laurie, George C. Scott, Myron McCormick, Murray Hamilton

A KISS BEFORE DYING | GIOVANI SENZA DOMANI di Gerd Oswald, Stati Uniti, 1956, 94’ | Cast: Robert Wagner, Jeffrey Hunter, Virginia Leith, Joanne Woodward, Mary Astor, George Macready

THE LONG HOT SUMMER | LA LUNGA ESTATE CALDA di Martin Ritt, Stati Uniti, 1958, 117’ | Cast: Paul Newman, Joanne Woodward, Anthony Franciosa, Orson Welles, Lee Remick, Angela Lansbury

Omaggio a James Ivory – Premio alla Carriera 2022
MR. & MRS. BRIDGE di James Ivory, Regno Unito, Stati Uniti, Canada, 1990, 126’ | Cast: Paul Newman, Joanne Woodward, Blythe Danner, Simon Callow, Kyra Sedgwick, Robert Sean Leonard

RACHEL, RACHEL | LA PRIMA VOLTA DI JENNIFER di Paul Newman, Stati Uniti, 1968, 101’ | Cast: Joanne Woodward, James Olson, Kate Harrington, Estelle Parsons, Donald Moffat, Terry Kiser

RALLY ‘ROUND THE FLAG, BOYS! | MISSILI IN GIARDINO di Leo McCarey, Stati Uniti, 1958, 106’ | Cast: Paul Newman, Joanne Woodward, Joan Collins, Jack Carson, Dwayne Hickman, Tuesday Weld

SOMETIMES A GREAT NOTION | SFIDA SENZA PAURA di Paul Newman, Stati Uniti, 1971, 114’ | Cast: Paul Newman, Henry Fonda, Lee Remick, Michael Sarrazin, Richard Jaeckel, Linda  Lawson

THE THREE FACES OF EVE | LA DONNA DAI TRE VOLTI di Nunnally Johnson, Stati Uniti, 1957, 91’ | Cast: Joanne Woodward, David Wayne, Lee J. Cobb, Edwin Jerome, Alena Murray, Nancy Kulp

THE VERDICT | IL VERDETTO di Sidney Lumet, Stati Uniti, 1982, 129’ | Cast: Paul Newman, Charlotte Rampling, Jack Warden, James Mason, Milo O’Shea, Lindsay Crouse


INCONTRI CON IL PUBBLICO

Agli incontri con il pubblico, uno dei momenti più apprezzati del programma della Festa, saranno dedicate due sezioni: Absolute Beginners, un approfondimento sugli esordi che hanno cambiato  la storia del cinema, raccontati dagli autori in prima persona, e Paso Doble, un dialogo tra due autori sul cinema. Il programma completo di Paso Doble sarà annunciato successivamente.

ABSOLUTE BEGINNERS

Paolo Virzì presenta LA BELLA VITA | Director’s cut | di Paolo Virzì, Italia, 1994, 97’ | Cast: Claudio Bigagli, Sabrina Ferilli, Massimo Ghini, Giorgio Algranti, Emanuele Barresi, Paola Tiziana Cruciani | Restauro: Motorino Amaranto / Cineteca di Bologna

Luc Besson presenta LA DERNIER COMBAT di Luc Besson, Francia, 1983, 92’ | Cast: Pierre Jolivet, Jean Bouise, Fritz Wepper, Jean Reno, Maurice Lamy

James Gray presenta LITTLE ODESSA di James Gray, Stati Uniti, 1994, 98’ | Cast: Tim Roth, Edward Furlong, Moira Kelly, Vanessa Redgrave

Mario Martone presenta MORTE DI UN MATEMATICO NAPOLETANO di Mario Martone, Italia, 1992, 108’ | Cast: Carlo Cecchi, Anna Bonaiuto, Renato Carpentieri, Toni Servillo, Antonio Neiwiller, Licia Maglietta | Restauro: Cinecittà

Stephen Frears presenta MY BEAUTIFUL LAUNDRETTE di Stephen Frears, Regno Unito, 1985, 97’ | Cast: Daniel Day-Lewis, Gordon Warnecke, Saeed Jaffrey

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy