Dardenne, in nome della vita

"L'esistenza è sempre più forte dei fondamentalismi", dicono i fratelli belgi. Di nuovo concorso a Cannes con Le jeune Ahmed
Dardenne, in nome della vita
Jean- Pierre e Luc Dardenne - Foto Karen Di Paola

“La moltitudine di attentati avvenuti in Europa, in Medio Oriente, in America, nello Sri Lanka, ci hanno toccato in maniera profonda e ci hanno dato la spinta per fare questo film”. Luc Dardenne racconta così la genesi di Le jeune Ahmed, diretto insieme al fratello Jean-Pierre e – come di consueto – in concorso al Festival di Cannes, dove i Dardenne hanno già vinto due Palme d’Oro, nel ’99 con Rosetta e nel 2005 con L’Enfant).

Il film segue da vicino – come da titolo – il giovane Ahmed (Idir Ben Addi), tredicenne musulmano belga che trama di uccidere la propria insegnante dopo aver abbracciato un’interpretazione estremista del Corano.

“Intorno a lui ci sono figure come la madre, gli educatori, l’insegnante, che provano a far ragionare, a cambiare Ahmed, ma senza riuscirvi. Uscire dalla logica del fanatismo è difficile, forse impossibile. È per questo che i fondamentalisti fanno tanta paura”, dice ancora Luc.

Il Cast – Foto Karen Di Paola

Ma, sottolinea Jean-Pierre, “Ahmed è ancora un ragazzino, è ancora chiuso in qualche modo, dalla sua ha ancora delle possibilità. È come se fosse posseduto, non è lui che agisce in quel modo o che parla quando apre bocca, è stato manipolato dall’imam. La cosa che ci interessava non era fare un processo. Cerchiamo piuttosto di capire come si possa riportare verso la vita quel ragazzo. E alla fine ci sono due mani che si stringono, messaggio che indica quanto la vita, alla fine, sia sempre più forte dei fondamentalismi”.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy