Cineasti sotto attacco

Alla Mostra di Venezia il panel per dare voce a Jafar Panahi e Mohammad Rasoulof, i due registi iraniani arrestati in patria
Cineasti sotto attacco
No Bears di Jafar Panahi, in concorso a Venezia 79

(Cinematografo.it/Adnkronos) – “Siamo cineasti. Facciamo parte del cinema iraniano indipendente. Per noi vivere significa creare. Creiamo opere che non sono su commissione, per questo chi è al potere ci vede come criminali”.

Inizia così il messaggio che i registi iraniani Jafar Panahi e Mohammad Rasoulof hanno inviato alla Mostra del Cinema di Venezia e che è stato letto dal direttore della Mostra, Alberto Barbera, durante il panel internazionale, intitolato “Cineasti sotto attacco: fare il punto, agire / Filmmakers Under Attack: Taking stock, Taking Action”, che ha avuto luogo oggi al Lido di Venezia, con di Vanja Kalurdjercic (Croazia, Direttrice dell’International Film Festival di Rotterdam), Sinem Sakaoglu (Turchia, regista), Orwa Nyrabia (Direttore dell’International Documentary Film Festival di Amsterdam), Mike Downey (Presidente della European Film Academy) e Kaveh Farnam (Iran, produttore).

“Il cinema indipendente – prosegue il messaggio dei due registi arrestati in Iran – riflette i suoi tempi, trae ispirazione dalla società e non può rimanerle indifferente. La storia del cinema iraniano testimonia la presenza costante e attiva di registi indipendenti, che hanno lottato per respingere la censura e per assicurare la sopravvivenza di quest’arte. Fra questi, ad alcuni è stato vietato di fare film, altri sono stati costretti all’esilio o ridotti all’isolamento. Eppure la speranza di poter nuovamente creare, è una ragione di vita, non importa dove, quando o in quale circostanza un cineasta indipendente stia creando o pensando di creare. Siamo cineasti, cineasti indipendenti”.

Fra i temi affrontati nel panel: il progetto del fondo per i registi ucraini dell’ICFR (ne ha parlato Vanja Kalurdjercic); i numerosi casi di cineasti perseguitati cui l’ICFR si sta occupando nel resto del mondo; la situazione in Turchia, con riferimento al caso della produttrice Cidgem Mater e dei suoi colleghi condannati con lei; la situazione iraniana, con riferimento ai recenti casi, appunto, di Jafar Panahi, Mohammad Rasoulof e Mostafa Aleahmad.

Il panel di oggi è la prima delle due iniziative di solidarietà alla 79. Mostra per i registi, cineasti, artisti arrestati o imprigionati nel mondo nell’ultimo anno, con lo scopo di sensibilizzare i media, i governi e le organizzazioni umanitarie mondiali sulla loro situazione. La seconda è il flash-mob sul red carpet del Palazzo del Cinema di venerdì 9 settembre (ore 16.30) a cui cineasti e artisti presenti alla Mostra saranno invitati a partecipare. Le due iniziative sono organizzate in collaborazione con Icfr-International Coalition Filmmakers at Risk.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy