Box office, il giovedì nero

Situazione drammatica: 18.865 gli spettatori totali, 105.203 euro l'incasso complessivo (- 44,10% rispetto a giovedì scorso). Al primo posto c'è Volevo nascondermi con 19.165 euro
Box office, il giovedì nero
Volevo nascondermi - Foto Chico De Luigi

Se prima potevamo parlare degli effetti del Coronavirus sul box office, ora possiamo ragionare sugli effetti del Decreto sul box office. Al primo giorno con vigenti le nuove norme governative, l’esercizio ha toccato i minimi storici.

Comprensibilmente: nelle zone “rosse” e “gialle” (Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e le province di Pesaro Urbino e Savona) le sale restano chiuse fino all’8 marzo, nel resto d’Italia gli esercenti stanno fronteggiando l’emergenza garantendo la distanza di sicurezza tra ogni spettatori.

Di conseguenza, i posti vendibili si riducono drasticamente, ma forse è altrettanto vero che – molto semplicemente – la maggior parte degli italiani non sente la priorità di andare al cinema in questo periodo. L’incasso globale dell’intera giornata di ieri, giovedì 5 marzo, è stato di 105.203 euro per 18.865 spettatori.

Il cinema Arsenale di Pisa

Il crollo rispetto allo scorso anno è tragico, quando l’uscita di Captain Marvel fece arrivare il box office giornaliero a 1.046.867 euro (– 89,95%). Ma anche rispetto a giovedì 27 febbraio 2020 il calo è netto, attestandosi su un – 44,10%.

Al primo posto della classifica c’è Volevo nascondermi, eroicamente uscito in sala mercoledì 4 marzo sia per dare un segnale di speranza sia per cavalcare l’onda dell’Orso d’Argento vinto da Elio Germano al Festival di Berlino. Proiettato su 175 schermi, porta a casa 19.165 euro con 110 per copia. L’incasso finora è di 44.511 euro.

Al secondo posto con 14.086 euro c’è un’altra new entry, l’horror The Grudge, che ha posticipato l’uscita di una settimana ed è visibile in 176 sale. 10.584 euro per Bad Boys for Life, gradino più basso del podio, che arriva a un totale di 1.372.706 euro.

Quarto, con 8.469 euro per 200 copie, Gli anni più belli (5.397.826 finora), ritrovatosi in piena corsa nel dramma dall’emergenza sanitaria. Resiste in classifica anche Parasite, quinto, che pur essendo giunto a un totale di 5.527.069 euro non ha potuto sfruttare al meglio la seconda uscita nelle sale dopo il trionfo agli Oscar.

Altre new entry in top ten sono Marie Curie (settimo, 3.302 euro per 50 copie) e Picciridda (nono, 2.457 euro in 30 schermi). Fuori dai primi dieci, i debuttanti Queen & Slim (undicesimo, 1.953 euro per 110 copie), Sono innamorato di Pippa Bacca (ventiquattresimo, 764 euro in 6 sale) e Buñuel nel labirinto delle tartarughe (trentaduesimo, 491 euro su 46 schermi).

Usciamo dal peggior febbraio degli ultimi dieci anni per il box office italiano, e purtroppo marzo non promette bene.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy