Antimafia sempre

"Ricordare chi ha messo la propria vita contro la mafia", dice Massimo Bray. Dal 17 al 21 giugno a Lamezia, la quinta edizione di Trame
Antimafia sempre

“Bisogna ricordare gli uomini che hanno messo la loro vita contro la mafia”. Così Massimo Bray, ex ministro dei Beni Culturali e attuale dg dell’Istituto della Enciclopedia Italiana, sottolinea l’esigenza di promuovere iniziative culturali come quelle di Trame 5. Festival dei libri sulle mafie, in programma dal 17 al 21 giugno a Lamezia Terme. “Bisogna – continua Bray – mantenere alta l’attenzione su questi argomenti e coinvolgere i giovani”. Trame è una manifestazione culturale a 360° dedicata alla lotta contro la mafia, e al ricordo di quanti hanno dato la vita per difendere i propri diritti. Il direttore Gaetano Savatteri sottolinea: “Servono i festival? È una domanda che ci facciamo ogni anno, ma abbiamo 70 volontari che hanno fatto una scelta silenziosa, ossia quella di stare da un’altra parte. È questa è una cosa non da poco”. Una scelta di sostegno da parte di giovani ai quali è dedicato il tema di questo anno, ossia i Giovani favolosi. Una scelta lunga “35 lenzuola – anticipa Armando Caputo, presidente della Fondazione Trame – che verranno esposte nei luoghi della nostra città, realizzate da ragazzi di diverse scuole per lanciare dei messaggi forti”.
“Non solo incontri sui libri, – specifica Savatteri – ma anche musica, la sezione Cinema, dedicata a Giancarlo Siani, che tra i film avrà anche La Trattativa di Sabina Guzzanti. Diversi i video del passato che abbiamo selezionato con l’Istituto Luce Cinecittà, e infine una mostra fotografica con Tony Gentile, il fotografo che ha scattato la famosa foto di Falcone e Borsellino insieme sorridenti”. “Durante il percorso scolastico – racconta Armando Caputo – siamo stati anche al carcere minorile di Catanzaro. Da quella esperienza abbiamo realizzato una mostra fotografica e stampato delle magliette con alcune frasi che hanno scritto i ragazzi per noi”.
Un contributo forte, quindi quello dei giovani favolosi, affiancato da quello di molti sponsor, si tratta infatti di “un festival povero – sottolinea Savatteri – e lo stiamo facendo attraverso un bando della Regione Calabria, di cui stiamo aspettando ancora il risultato. Gli sponsor ci hanno aiutato molto soprattutto dell’Istituto della Enciclopedia Italiana e Confcommercio-imprese per l’Italia”. Altra partecipazione quella di Legambiente “che darà alcune anticipazioni – segnala sempre Savatteri – sui dati relativi all’ecomafia del Rapporto che uscirà il 30 giugno”. “L’obiettivo – conclude Massimo Bray – sarebbe quello di creare delle biografie su tutte le vittime della mafia che verranno ospitate sul portare Treccani, questo mi sembra doveroso”.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy