Addio a John Barry

E' morto il celebre compositore inglese: 4 volte premio Oscar, sue le famose musiche per i film con James Bond
31 Gennaio 2011
Addio a John Barry

(Cinematografo.it/Adnkronos) – Il compositore inglese John Barry, autore delle famose musiche dei film dell’Agente 007 e vincitore di quattro Premi Oscar per altrettante colonne sonore cinematografiche, è morto a Glen Cove, in Inghilterra, all’età di 77 anni in seguito ad un arresto cardiaco. L’annuncio della scomparsa è stato dato dalla Bbc, rilanciando un’informazione diffusa via Twitter da David Arnold, l’attuale compositore delle musiche della serie di James Bond. Si deve a Barry la colonna sonora del primo film dell’Agente 007, Licenza di uccidere (1962): il successo del tema musicale fu tale che il compositore ha firmato altre undici pellicole: Dalla Russia con amore (1963), Missione Goldfinger (1964), Operazione tuono (1965), Si vive solo due volte (1967), Al servizio segreto di Sua Maestà (1969), Una cascata di diamanti (1971), L’uomo dalla pistola d’oro (1974), Moonraker – Operazione spazio (1979), Octopussy – Operazione piovra (1983), Bersaglio mobile (1985) e Zona pericolo (1987).
Nel 1971 Barry scrisse il tema della famosa serie televisiva The Persuaders (Attenti a quei due) con Roger Moore e Tony Curtis. Barry ha all’attivo ben quattro premi Oscar: nel 1966 per Nata libera, nel 1968 per Il leone d’inverno, nel 1985 per La mia Africa e nel 1990 per Balla coi lupi.
John Barry è stato uno dei primi compositori, se non il primo in assoluto, ad aver introdotto, attraverso il pop, la musica moderna nei film. Eclettico nel suo stile leggermente provocatore, con il tempo ha ridotto le sue pretese e pur concedendo parte del suo lavoro al sintetizzatore elettronico, si è affidato all’orchestra classica riuscendo a stabilire nella sua musicologia un equilibrio perfetto tra tradizione e modernismo. Barry si formò come autodidatta, lavorando come proiezionista e suonando la tromba in una banda militare. Successivamente prese lezioni di musica per corrispondenza e all’inizio degli anni Cinquanta divenne il leader di un gruppo musicale, i John Barry Seven, che ebbe in Gran Bretagna un breve periodo di notorietà.
La sua prima collaborazione cinematografica risale al 1959 con il film Ragazza beat, per il quale scrisse la canzone “Made You”. A questo film seguì I gangsters di Piccadilly (Never Let Go) del 1960 e nel 1962 Agente 007 – Licenza di uccidere (Dr. No), prima delle undici colonne sonore composte per la serie di James Bond. Ingaggiato dal produttore cinematografico Albert R. Broccoli per questo primo film come spalla di Monty Norman, ebbe con il film successivo Agente 007 – Dalla Russia con amore la completa responsabilità delle musiche componendo in appoggio al “James Bond Theme” di Norman il melodioso tema d’azione “007” utilizzato poi in altri film della serie. Nel 1964 scrisse per i titoli di testa di Agente 007 – Missione Goldfinger la canzone cantata da Shirley Bassey con le parole di Leslie Bricusse e Anthony Newely che fu campione di vendite in tutto il mondo. Per Agente 007 – Thunderball: Operazione tuono Barry coniugò la prorompente voce di Tom Jones con una forte melodia sulle orme del film, così come il dolce tema per Agente 007 – Si vive solo due volte, cantato da Nancy Sinatra con testo di Leslie Bricusse evocante l’ambientazione giapponese del film. Con l’abbandono della serie da parte di Sean Connery e l’arrivo dell’australiano George Lazenby, per Agente 007 – Al servizio segreto di Sua Maestà, Barry reinventò il James Bond Theme adattandolo al cambio di attore e rendendolo più tagliente. Scrisse inoltre per Louis Armstrong con parole di Hal David la canzone d’amore chiave del film tratta dalle ultime parole di Bond alla moglie assassinata: “We have all the time in the world”. Infine come tema conduttore del film utilizzò sintetizzatori e corni alpini.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy