A Sky piace classico

Il meglio della filmografia che fu: nel mese di giugno un viaggio nel tempo e nello spazio tra Cinecittà e Hollywood. Poi omaggi ad Alberto Sordi e Vittorio Gassmann, con l'ultimo Woody Allen in prima visione
A Sky piace classico
A qualcuno piace caldo di Billy Wilder (© 1959 METROGOLDWYNMAYER STUDIOS INC. All Rights Reserved)

Da lunedì 15 a martedì 30 giugno, Sky Cinema Collection (disponibile anche on demand) dedica la programmazione al meglio della filmografia classica italiana e straniera.

Da non perdere le maratone che commemorano due importantissimi nomi del nostro cinema: lunedì 15 giugno, nel giorno del centenario dalla nascita, è previsto l’OMAGGIO AD ALBERTO SORDI, con titoli come Il medico della mutua di Luigi Zampa e Romanzo di un giovane povero di Scola. “Ho sempre cercato di fare film che potessero in qualche modo servire agli altri per comprendere meglio se stessi. Al cinema ho dato tutto quello che avevo: anche la mia vita privata” (Intervista di Mario Foglietti ad Alberto Sordi, pubblicata sul numero 11 della Rivista del Cinematografo 1972).

Il medico della mutua

Lunedì 29 giugno, invece, per il 20° anniversario dalla morte, va in onda l’OMAGGIO A VITTORIO GASSMAN con titoli come Il sorpasso e I mostri di Dino Risi. “Il successo al cinema Vittorio Gassman se l’è conquistato, non glielo ha regalato nessuno. Stanco dei tanti flop incassati con i suoi ruoli drammatici […], gira pagina puntando – lui, il vincitore per vocazione – sulle maschere moderne e gaglioffe dell’inadeguatezza” (Accadde un giorno, Orio Caldiron, numero 1-2 della Rivista del Cinematografo 2019).

Vittorio Gassman

 

La programmazione pomeridiana dei weekend è invece dedicata a Totò. Tra i film che vedono protagonista il Principe della risata sono da non perdere: Signori si nasce, 47 morto che parla, I tartassati e Totò cerca casa: “Parlare di Totò non è facile, è come parlare di Pulcinella, il personaggio più famoso del folklore napoletano, italiano, mondiale, e insieme il più insondabile, il più sconcertante per la difficoltà di coglierne il fondo autentico, oltre il piagnisteo, di coglierlo dietro quel costante equivoco, quello sberleffo permanente, che è la sua faccia” (La maschera di Totò, di Leandro Castellani, intervento pubblicato sul numero 6 della Rivista del Cinematografo 1967).

QUESTIONE DI GENERE

Ma il viaggio nei grandi classici prosegue anche oltre confine: se da noi dominava la commedia all’italiana, a Hollywood e dintorni era un tripudio di generi. Dal poliziesco per eccellenza Il braccio violento della legge, il film di William Friedkin vincitore di 5 Oscar® con Gene Hackman, all’inimitabile capolavoro di Billy Wilder, premiato con un Oscar® e 3 Golden Globe, A qualcuno piace caldo, con Marilyn Monroe, Jack Lemmon e Tony Curtis.

Friedkin sul set de Il braccio violento della legge (Motion Picture © 1971 Twentieth Century Fox Film Corporation. Renewed 1999 Twentieth Century Fox Film Corporation. All rights reserved)

Spazio poi a La grande fuga, una delle colonne portanti del cinema bellico, con Steve McQueen e Charles Bronson e attenzione alla versione restaurata del kolossal premiato con 7 Oscar® e 6 Golden Globe, Lawrence D’Arabia con Peter O’Toole, Anthony Quinn e Omar Sharif, oltre che al kolossal storico-avventuroso Alessandro il grande con Richard Burton e a Khartoum con Charlton Heston e Laurence Olivier.

L’epica sportiva rivive nel memorabile film vincitore di 4 Oscar® e un Golden Globe, Momenti di gloria, con Ian Holm premiato al Festival di Cannes.

Per tornare poi nel belpaese con la commedia di Vittorio De Sica, ispirata a un’opera di Eduardo De Filippo, Matrimonio all’italiana (candidato a due Premi Oscar), con Sophia Loren e Marcello Mastroianni: “Uno spettacolo quasi perfetto, uno spettacolo che solo una macchina collaudatissima (come il quartetto Ponti-Loren-De Sica-Mastroianni) poteva produrre” (Leandro Castellani, numero 1 della Rivista del Cinematografo 1965).

UN GIORNO DI PIOGGIA A NEW YORK

Tra le prime visioni che Sky Cinema propone, venerdì 5 giugno, troviamo l’ultima fatica di Woody Allen, Un giorno di pioggia a New York, con Timothée Chalamet, Elle Fanning, Selena Gomez, Jude Law e Liev Schreiber: commedia romantica che ha ottenuto un ottimo successo di critica e di pubblico (4,5 milioni di euro in Italia). Due giovani fidanzati sono nella Grande Mela per trascorrere il weekend. Lui, trovandosi nella sua città natale, vorrebbe mostrarle i suoi posti preferiti, ma lei gli rovina i piani quando l’intervista concordata con un regista in crisi, le prende più tempo del dovuto. “Commedia ineffabile come la nascita di un sentimento: la città è il cuore, intorno il jazz di Chet Baker. Per un Allen d’annata, con l’ebbrezza della deriva” (Marzia Gandolfi, numero 11 della Rivista del Cinematografo 2019).

Un giorno di pioggia a New York

NEW YORK, NEW YORK

Ancora New York al centro di un film di Woody Allen, città protagonista della collezione speciale on demand che Sky Cinema metterà a disposizione dei propri clienti, con una carrellata di titoli ambientati nella Grande Mela: da Serendipity – Quando l’amore è magia a Harry, ti presento Sally, passando per Carol di Todd Haynes e Mean Streets – Domenica in chiesa, lunedì all’inferno di Martin Scorsese.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy