A Berlino Semina il vento

Danilo Caputo in Panorama a Berlino 2020 con un film a metà tra dolente canto ecologico e scontro generazionale: "Volevo sollevare un dibattito utile per parlare di cose che stanno a cuore, ma senza appiattirsi sulla denuncia"
A Berlino Semina il vento
Semina il vento

“L’idea di Semina il vento parte da una riflessione: nel 2013 si è tenuto a Taranto un referendum sull’Ilva, nel quale si è recata alla urne solo una piccolissima parte degli aventi diritto. Una grande delusione. Quello che si vuole fare è provare ad indagare le circostanze dello stato delle cose, se l’inquinamento sia l’unico problema della vicenda o non sia anche una questione di mentalità. L’importante è sollevare un dibattito utile per parlare di cose che stanno a cuore, ma senza appiattirsi sulla denuncia”, spiega il regista Danilo Caputo a margine della presentazione del suo film nella sezione Panorama della Berlinale.

Semina il vento è un dolente canto ecologico, uno scontro generazionale più che mai attuale. Caputo, che usa anche il sonoro come strumento di narrazione, riesce a costruire un racconto  evocativo e struggente. Nica (la brava Yile Yara Vianello, giovane protagonista di Corpo Celeste di Alice Rorhwacher) denuncia il disastro ecologico e vuole salvare gli uliveti di famiglia. Il padre in difficoltà economiche è invece pronto a compromessi.

“La città dagli anni ’60 vive ormai questa condizione radicale rispetto alla fabbrica, di totale accettazione, che le ha di fatto impedito lo sviluppo di altre possibilità. Da quel momento è stata dimenticata la cultura contadina, il quotidiano è stato archiviato come arretrato e relagato nel dimenticatoio, per dare credito alle promesse di progresso e felicità che la scelta industriale avrebbe assicurato al territorio. Nel film ho cercato di dare voce a due visioni contrapposte, da una parte Nica, che vuole riscoprire le tradizioni, e dall’altra il padre, che ha un rapporto con la natura di tipo più distaccato, e legato a dei valori diversi. Le nuove generazioni vivono testando le conseguenze di un sistema aggressivo verso la natura, mentre gli altri sono rimasti ingannati“. Per Nica il crepitio delle cortecce è una forma di linguaggio. Animismo contro profitto.

“La magia mi ha aiutato a creare un cortocircuito tra il realismo e la sua dimensione animista. La magia rituale era un elemento importante di quella cultura contadina che Nica ha ereditato dalla nonna. Il primo passo per cambiare davvero le cose è smettere di pensare alla natura come qualcosa di esterno a noi. Nica non si arrende. Lotta per salvare quelle terre. Perché la sua storia ci ricorda che in alcuni momenti bisogna lottare per cambiare le cose”.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy