Va nuda per il mondo

Go Naked in the World

USA - 1960
Va nuda per il mondo
Dopo un lungo periodo di permanenza sotto le armi, Nick Stratton torna a San Francisco. Pur essendo sinceramente affezionato al padre Pete, un noto costruttore venuto su dal nulla a forza di tenacia e caparbietà, Nick non intende diventare schiavo della prospera industria che un giorno sarà sua. Né dal canto suo Pete vuole comprendere quanta importanza abbia per il figlio la possibilità di costruirsi una vita indipendente. A San Francisco Nick incontra Giulia Cameron e se ne innamora. Spinto dall'affetto ed un po' dal gusto di contrariare il padre, Nick presenta ufficialmente Giulia come la propria fidanzata. Lo scandalo è enorme e sarà lo stesso Pete a rivelare al figlio che Giulia è in realtà una 'call-girl' di lusso e che lui stesso è stato fra i suoi clienti. Il colpo è rude per Nick. Dopo una violenta scenata, il giovanotto decide di rompere ogni rapporto con Giulia, ma pochi giorni di separazione gli fanno comprendere che non può vivere senza di lei. Fatta la pace, i due partono per Acapulco decisi a sposarsi. Pete non si rassegna: piuttosto che vedere il figlio allontanarsi definitivamente, dichiara a Giulia di essere pronto ad accettarla in seno alla propria famiglia. Di fronte all'evidente sacrificio paterno, la ragazza s'accorge che il suo amore per Nick non ha alcuna probabilità d'essere duraturo e felice. Recitata allora dinanzi a Nick l'ingrata parte della donna fatua e cinica, stanca ormai d'una relazione che è durata troppo a lungo, Giulia si ucciderà. Pete sarà pronto ad accogliere fra le sue braccia il figlio.
  • Durata: 102'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO, SENTIMENTALE
  • Specifiche tecniche: CINEMASCOPE METROCOLOR
  • Tratto da: romanzo di Tom T. Chamales
  • Produzione: AARON ROSENBERG PER ARCOLA PICTURES
  • Distribuzione: MGM

NOTE

- REVISIONE MINSITERO SETTEMBRE 1998 - SPECIALE PER LA TV.

CRITICA

"Goffo melodramma sentimentale made in Usa, gonfio di retorica e moralismo, che oltrepassa a più riprese la soglia del ridicolo nel mettere in scena una 'Traviata' dei tempi moderni, impersonata come peggio non si potrebbe dall'impacciatissima Gina Lollobrigida. La quale, cosparsa da capo a piedi di gioielli e pellicce, si guarda bene dal mostrarsi come annunciato dall'illusorio titolo". (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 31 ottobre 2001)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy