Un Turco napoletano

ITALIA - 1953
L'onorevole Coccheletti, deputato di Sorrento, ha promesso a Don Pasquale, ricco e maturo commerciante, marito gelosissimo della bella Giulietta, di mandargli come maestro di casa un turco, che essendo un autentico eunuco, diverrà il fedele custode della virtu' della sposa e della giovane figlia di don Pasquale. Succede pero' che un farabutto, Felice Sciosciamocca, evaso dal carcere col suo amico Faina, dopo aver messo fuori combattimento il turco, si sostituisce a lui e si presenta a don Pasquale, che l'accoglie festosamente. Felice ignora la peculiare qualifica del turco, del quale ha preso il posto, e si meraviglia quando Don Pasquale gli lascia libero accesso alle camere di Giulietta e di Lisetta: non manca pero' di approfittare della situazione. Per la festa del fidanzamento di Lisetta arriva a Sorrento l'onorevole Coccheletti, il quale naturalmente vede subito che Felice non è il suo turco ma non puo' parlare, perchè il mariuolo lo ricatta, minacciando di rivelare a tutti che il deputato presenta come sua legittima consorte una ballerina, sua amante. La vera identità di Felice viene rivelata da Faina, che il compagno non ha voluto mettere a parte del suoi guadagni; ma lo scandalo nell'interesse di tutti viene soffocato e Felice si accomiata lietamente dalle sue donne e dal suo padrone.

CAST

NOTE

- REVISIONE MINISTERO AGOSTO 2002

- AIUTO REGIA ROBERTO CINQUINI

- METRI 2527

- GIRATO NEGLI STABILIMENTI DELLA VASCA NAVALE

- DIRETTORE DI PRODUZIONE: ALFREDO DE LAURENTIIS.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy