Un piede in paradiso

ITALIA - 1990
Un piede in paradiso
A Miami, Bull Webster capeggia una piccola cooperativa di taxi: è un gigantesco brav'uomo che si batte contro Rockwood, presidente di una società di taxi rossi, deciso a fagocitare i modesti e indebitati concorrenti. Quando un giovincello squattrinato e frettoloso dà a Webster per una corsa i pochissimi dollari del suo borsellino e il biglietto di una grande lotteria, Bull vince una somma enorme (duecento miliardi). Pertanto gli tocca andare a caccia di un giubbotto (il biglietto fortunato sta nel taschino) che la moglie ha inviato in lavanderia. Ora accade che da tempo l'angelo Victor e la diavolessa Veronica siano stati inviati in missione sulla Terra e messi alle costole di Webster, rispettivamente dal Grande Fratello e da Lucifero, per esaminare il comportamento di Bull. Tra questi avviene una lotta senza tregua: Victor, diventato ospite e amico dell'uomo, e Veronica, una seducente creatura, fanno ricorso a trucchetti e trovate. L'occasione della caccia al biglietto metterà alla prova la tenacia e le intenzioni di Bull, che alla fine rende partecipi i suoi soci dei dollari incassati e, dopo aver battuto gli odiati taxi rossi di Rockwood (assistito dal perfido avvocato Morrison, in cui la diavolessa ha trovato un alleato) inaugura una sede prestigiosa, liberando la cooperativa dall'assillo di ipoteche e scadenze. Quanto a Victor e Veronica, essi saranno espulsi dai superiori per le infrazioni compiute ai rispettivi codici di comportamento e saranno costretti a lavorare alle dipendenze di Bull.
  • Durata: 98'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: PANORAMICA A COLORI
  • Produzione: CLAUDIO BONIVENTO, GIUSEPPE PEDERSOLI
  • Distribuzione: PENTA DISTRIBUZIONE (1991) - PENTAVIDEO, MEDUSA VIDEO (PEPITE)

CRITICA

Costruito a base di inseguimenti in auto e scazzottate, curato nella fotografia di Alfio Cantini, poco effervescente nel ritmo, il film è destinato al pubblico dei più piccini che del simpatico Spencer sono affezionati fan. (Alessandra Levantesi, La Stampa)

Chi ha voglia di divertirsi ha delle occasioni per farlo, specie se, abituato al duo Bud Spencer ed E. B. Clucher sa, a priori, quello che gli proporrà: metà per sorridere metà per abbandonarsi ai sentimenti onesti. C'è bella come al solito Carol Alt. (Gian Luigi Rondi, Il Tempo)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy