Three... Extremes

Saam gaang yi

COREA DEL SUD, HONG KONG, GIAPPONE - 2004
Three... Extremes
"Cut - Taglio": Ryu Ji-Ho è un regista di successo, ricco, bello e felicemente sposato con una pianista. Un giorno torna a casa e scopre che un disperato tiene in ostaggio sua moglie e un bambino sconosciuto. L'uomo mette Ryu di fronte a una difficile scelta: la morte del bambino o il taglio delle dita della moglie...

"Dumplings - Ravioli": Qing, un ex starlette televisiva sposata a un uomo molto ricco, ha un solo desiderio: ringiovanire. L'unico rimedio sembra essere quello che le propone Mei, una donna misteriosa che prepara dei 'ravioli' molto particolari...

"Box - Scatola": Kyoko, una bella romanziera di successo, ha subìto un trauma quando aveva dieci anni: sua sorella è morta carbonizzata in un incidente provocato dalla stessa Kyoko e il loro tutore, Hikita, per il grande dolore è sparito senza lasciare traccia. Da allora Kyoko conduce una vita solitaria ed è alla continua ricerca di Hikita. Un giorno le viene recapitato un biglietto con un appuntamento nel luogo dove è morta sua sorella...
  • Episodi: Cut - Taglio; Dumplings - Ravioli; Box - Scatola
  • Altri titoli:
    Tre... estremi
    Three, Monster
  • Durata: 125'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: 35 MM (1:1,85)
  • Produzione: AHN SOO-HYUN PER B.O.M. FILM PRODUCTIONS, PETER HO-SUN CHAN PER APPLAUSE PICTURES, NAOKI SATO, SHUN SHIMIZU E FUMIO INOUE PER KADOKAWA PICTURES

NOTE

- PRESENTATO ALLA 61MA MOSTRA INTERNAZIONALE DEL CINEMA DI VENEZIA (2004) NELLA SEZIONE "MEZZANOTTE".

CRITICA

"Tre diversi modi di concepire l'orrore da parte di altrettanti registi orientali. Il primo episodio di 'Three... Extremes' è intitolato 'Ravioli' (...) L'allegoria sull'ansia dell'eterna giovinezza che ci perseguita non è difficile da cogliere e, per trasmettercela, l'hongkonghese Fruit Chan non arretra davanti alle immagini-shock: aborti in diretta, ventri traforati da spilloni, lingue mostruose che lambiscono il sangue dalla bocca. Il tutto reso più impressionate da una regia che punta sull'orrore del realismo, per significare che tutte queste mostruosità appartengono al nostro quotidiano. Prende invece le cadenze del racconto gotico, messo in scena come un film del terrore di serie C, l'episodio 'Taglio' del coreano Chan-wook Park. (...) Sullo schermo non si vede molto di truculento: però l'ansia cresce verticalmente nello spettatore, fino a diventare quasi insostenibile. Più cervellotico 'Scatola', l'episodio firmato dal maestro giapponese dell'horror Takashi Miike. (...) La metafora dei sensi di colpa, che pesano sul dorso di chi li prova, trova un compimento nell'epilogo, dove la protagonista ne è (letteralmente) soffocata." (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 7 settembre 2004)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy