The Final Cut

CANADA, GERMANIA - 2004
The Final Cut
Alan Hackman è il miglior montatore di filmati registrati sulle "Rememory", un genere di 'chip' inventati dall'industria Zoe Tech e che, impiantato nel cervello di una persona, permettono di registrare i momenti più belli della vita di ognuno e renderli così immortali. A causa del suo lavoro, Alan è ormai abituato a non farsi coinvolgere dai problemi e dalla vita altrui, ma anche a non vivere la propria vita in 'prima persona'. Fino al giorno in cui, mentre sta rimontando la memoria di un alto funzionario della Zoe Tech, scopre un immagine della propria infanzia che lo perseguita da sempre...
  • Durata: 105'
  • Colore: C
  • Genere: FANTASCIENZA, THRILLER
  • Specifiche tecniche: 35 MM, PANAVISION - DELUXE
  • Produzione: LIONS GATE FILMS INC., FINAL CUT PRODUCTIONS, CINERENTA MEDIENBETEILIGUNGS KG, INDUSTRY ENTERTAINMENT
  • Distribuzione: EAGLE PICTURES (2005)
  • Data uscita 13 Maggio 2005

RECENSIONE

di Valerio Sammarco
Kathryn Bigelow e James Cameron, dieci anni fa, con il loro Strange Days ipotizzavano che sarebbe stato possibile - a cavallo del nuovo millennio - vivere esperienze altrui grazie ad alcuni vettori di memoria artificiale, gli "squid", atti a riprodurre particolari momenti di una vita. Oggi, con The Final Cut, l'esordiente libanese Omar Naim (classe 1977) propone, quale succedaneo al classico funerale, il rito del "Rememory": visione collettiva della sintesi esistenziale del caro estinto, attraverso le esperienze direttamente vissute dagli occhi del defunto. E' necessario, affinché tutto funzioni, aver installato un microchip della Zoe Tech al momento della nascita e, soprattutto, che qualcuno si prodighi al montaggio dei frammenti salienti della vita appena trascorsa. Alan Hackman (Robin Williams) è il miglior montatore su piazza, profondamente incline a sottrarsi dalla realtà circostante - trascurando il bisogno di attenzioni della triste Delila (Mira Sorvino) - per confezionare riassunti della memoria altrui. Divoratore di peccati, assolutore per eccellenza delle infamie che scorrono sotto il suo sguardo, Alan sarà ingaggiato per il Rememory di un pezzo grosso della Zoe Tech: deontologia professionale e redenzione personale (una comparsa lo riporterà ad un doloroso episodio della sua infanzia) si scontreranno, mentre un ex collega (Jim Caviezel), ora convinto attivista nella battaglia contro la Zoe Tech, farà di tutto per impossessarsi del chip. Le premesse, non c'è che dire, lasciavano ben sperare: l'atmosfera suggestivamente fotografata da Tak Fujimoto (già collaboratore, tanto per dirne uno, di Terrence Malick ne La rabbia giovane) per un presente (?) da contrapporre alle immagini filtrate dal videotape della memoria, la possibilità di regalare ai posteri un compendio ovattato e insincero dei propri cari, il magone del protagonista per un dramma mai metabolizzato si dissolvono senza particolari guizzi. Privilegiando in corso d'opera la virata verso un ben più "rassicurante" impianto thrilling, il tutto viene risolto - e ci riferiamo in particolar modo alle inquietudini di natura bioetica - in maniera sin troppo sbrigativa e superficiale, ancorando qualsivoglia giudizio di merito ai blocchi di partenza.

CRITICA

"L'idea del film è buona: una società è in grado collocare un chip nel cervello dei bambini appena nati, in modo che la loro vita sia registrata minuto per minuto. (...) E non c'è solo l'idea, perché anche i protagonisti (Robin Williams e Mira Sorvino) sono due attori con i fiocchi. Per non parlare della fotografia, affidata a Tak Fujimoto ( Il silenzio degli innocenti ). Ma due più due, al cinema, non fa quattro e 'The Final Cut', diretto da Omar Naim, non convince. Non si crede ai dubbi etici del "montatore di vite" e non si può fare a meno di capire, alla prima scena, come il film andrà a finire. Per un thriller, non è il massimo." (Roberta Bottari, 'Il Messaggero', 13 maggio 2005)

"Ancora un ruolo teso e sospeso per Robin Wiliams. Gliel'ha costruito quasi su misura un esordiente libanese, Omar Naim, da tempo americano. Metà si tende al thriller, metà si naviga nella fantascienza. (...) Cifre affannate, immagini buie, e l'angoscia, ad ogni svolta, dilaga." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo', 21 maggio 2005)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy