QUALCUNO HA TRADITO

ITALIA - 1967
QUALCUNO HA TRADITO
Toni, da Miami, in Florida, dove ha appena vendicato la morte di un amico uccidendo il traditore, parte per Marsiglia. E' stato convocato da Roy perché, insieme a qualche altro losco individuo, possano attuare un grosso colpo. Giunto nella città, si sente obbligato a picchiare Coco, uno dei soci, trovato in compagnia di Ann, moglie di Roy, di cui è l'amante. Successivamente incontra per caso Blondel, vecchio commilitone. I due amici, ripromettendosi di rivedersi presto, si separano. Toni rientra a casa, ma per la strada viene picchiato selvaggiamente da alcuni sconosciuti. Coco si è vendicato. Un giorno viene invitato da Blondel a cena ma, con suo disappunto deve rinunciare: è la sera in cui deve essere attuato il colpo. Il piano, preparato nei minimi particolari, riesce ma la polizia sta ad aspettare. Toni riesce a fuggire, portandosi dietro Roy che, ferito, muore prima di giungere a casa. Qualcuno ha tradito di nuovo, la sua mente va a Coco che inesorabilmente viene eliminato. Finalmente può incontrarsi con il vecchio amico Blondel. Questi è un poliziotto ed ha capito tutto fin dal principio. L'invito a cena era un tentativo per salvarlo. Toni è egli stesso l'involontario traditore: disperato e avvilito per ciò che riteneva una sacra amicizia, muore infine sotto i colpi della polizia.
  • Altri titoli:
    REQUIEM POUR UNE CANAILLE
  • Durata: 98'
  • Colore: C
  • Genere: POLIZIESCO
  • Specifiche tecniche: EASTMANCOLOR
  • Produzione: FRANCESCO THELLUNG PER TIKI FILM (ROMA) GREENWICH FILM (PARIS)
  • Distribuzione: I.N.C.
  • Vietato 14

NOTE

PIERO PICCIONI HA FIRMATO LE MUSICHE COME PIERO MORGAN.

CRITICA

"Il film si avvale di un'ottima sceneggiatura, di un'ambientazione intelligente e suggestiva, di un taglio narrativo secco ed essenziale.Sicura la regia, buona l'interpretazione". ("Segnalazioni Cinematografiche")
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy