PREMONIZIONI

HIDEAWAY

USA - 1996
La famiglia Harrison (padre Hatch, moglie Lindsey e figlia quindicenne Regina) durante un viaggio di notte in automobile si scontra con un camion che fa precipitare la vettura in un gelido fiume. La sciagura più nera perseguita la famiglia Harrison, che anni prima ha perso una bimbetta (Samantha) per un investimento vicino al praticello di casa. Grazie alle cure del dottor Jonas Nyebern, Hatch, in coma, riesce a risvegliarsi dopo aver trascorso quell'intervallo subendo emozioni e visioni: ha visto la figlia morta, però sorridente e felice. Ma è anche sicuro che non sono mancate altre esperienze, che ora cominciano a tormentarlo. L'aiuto e l'affetto della moglie e di Regina non bastano: Hatch appare mutato, ha la sensazione di essere tornato dall'Aldilà avvinto da un legame irreversibile con una entità fortissima, impersonata da Vassago, un assassino che praticamente lo condiziona e fa soffrire. Costui è un giovane psicopatico (tempo prima suicidatosi, ma "salvato" dal proprio padre, il dottor Nyebern) il quale sul piano fisico ha un limite: può vedere solo attraverso gli occhi di Hatch, che vede unicamente ciò che il killer percepisce, poiché la luce naturale gli impedisce la normalità. E Hatch, che ora è come una sorta di protesi vivente per Vassago, di cui preavverte intenzioni e movimenti, teme il peggio per Lindsey e la figlia Regina, trovandosi nella situazione di un posseduto (e complice di orribili delitti) da parte di una oscura presenza. Aiutato dalla sensitiva Rose Orwetto, Hatch cerca di sfuggire ad incubi e tormenti: sul piano clinico, Hatch manifesta quel senso di colpa che lo ha sempre afflitto per la morte della sua bambina. Per rimuoverlo, Hatch, dopo la luminosa visione di cui ha beneficiato nel tempo passato "dall'altra parte", è costretto a trascorrere momenti paurosi e duri. La resa dei conti decisiva avviene una notte in un Luna Park, dove Hatch e Vassago (che nel frattempo ha sequestrato Regina) hanno modo di lottare tra loro: il malvagio precipita nel fuoco di un incendio furioso, che brucia anche il suo legame psichico con Hatch, finalmente liberatosi dal suo cattivo genio.

CAST

NOTE

REVISIONE MINISTERO MAGGIO 1996.

CRITICA

Premonizioni ("Hideaway") si fa seguire fino all'incidente con interesse, per vedere dove va a parare il regista. Il film si fa prendere la mano dai soliti effettacci, insiste sugli incubi di papà Goldblum, che poi non ha dote di simpatia in grado di ricaricare le pile scariche del personaggio. Soprattutto, oltrepassa le normali frontiere dell'ovvio e ridicolo, sottili negli horror movies. Il tema del ritorno dalla morte è solo annunciato. Sono belli a vedersi gli effetti grafici paranormali quando la scenografia di Bolton dai colori fangosi riesce a entrare nel subconscio. Goldblum, che ha la visione della bambina morta per colpa di un pirata della strada, s'infuria, si pente, si arma e l'ha vinta: sempre con la stessa faccia. Un bel problema. (Corriere della Sera, Maurizio Porro, 6/5/96)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy