Plagio

ITALIA - 1968
Plagio
Una manifestazione studentesca a Bologna è l'occasione per Angela e Massimo - figlia, la prima, di un giornalista vedovo; di modesta famiglia il secondo - di conoscere un loro collega, Guido, orfano ed erede di una grande fortuna. Fiorita fra loro l'amicizia, Guido mette il proprio appartamento a disposizione di Angela e Massimo, che si amano e del cui amore (egli che ha avuto una infanzia infelice, trascurato da una bella madre in adorazione del marito e sempre pronta a seguirlo nei suoi viaggi) si sente come affascinato. Tanto grande è il suo bisogno di entrare nella loro intimità che un giorno, Massimo assente, finisce fra le braccia di Angela, facendo in modo, per lealtà, che l'amico li scopra assieme. Mentre la giovane sente di poterli amare entrambi, Massimo reagisce e rientra in famiglia, a Rimini. Ben presto, incapaci di fare a meno di lui, Guido lo raggiunge con la ragazza e lo convince a seguirli in una splendida villa. Ha inizio un "ménage" a tre ma una mattina, improvvisa, arriva la tragedia: Guido muore, in quel che sembra un incidente stradale. Massimo e Angel asono coinvolti in una breve inchiesta pur essendo esrìtranei al fatto mas il loro rapporto non può non risentirne.
  • Altri titoli:
    Un amour à trois
  • Durata: 88'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: EASTMANCOLOR-TELECOLOR
  • Produzione: GIULIANA SCAPPINO PER FASER FILM (ROMA), PRODIMEX FILM (PARIGI)
  • Distribuzione: EURO INTERN. FILM - MAGNUM 3B

NOTE

- LA REVISIONE MINISTERIALE DEL 30/01/2018 HA ELIMINATO IL DIVIETO DI VISIONE AI MINORI DI 18 ANNI.

CRITICA

"(...) ci pare di intravvedere in questo malinconico e triste film di Capogna le linne di una sostanza intima, una poesia delle cose, e riesca a comunicarci emozioni che oltrepassano il frasario chiuso della materia narrativa (...). Comunque il suo è un film piuttosto ingenuo, ma non banale." (G. Turoni, 'Bianco e Nero', 9/10 ottobre 1969)

"E' un film incentrato sulla figura di un giovane desideroso di entrare in una comunità di affetti, vista come integrazione della propria personalità. La storia appare nel complesso artificiosa: il legame con la contestazione studentesca, che gli fa da sfondo, incoerente; mentre gli stessi personaggi sono psicologicamente approssimativi. Bella la fotografia e l'ambientazione." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 67, 1969)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy