PARTY MONSTER

USA, OLANDA - 2003
La vera storia di Michael Alig, star della scena underground delle discoteche della Grande Mela. All'inizio degli anni '90 Michael si trasferisce a New York dove incontra James St. James, un ragazzo che lo introduce nell'ambiente dei locali alternativi e insieme formano il club dei 'Ragazzi Perduti di Peter Pan'. Ben presto Michael si mette in evidenza come uno dei più grandi organizzatori di eventi mondani. Diventa il prediletto del potente proprietario di locali Peter Gatien e fonda una rivista, ma il suo carisma fa sì che intorno a lui ruotino anche una serie di personaggi loschi come lo spacciatore Angel Menendez. Ma all'apice del successo, Michael commette l'errore di uccidere Angel e, convinto di essere intoccabile, invece di celare la verità racconta alla stampa il suo gesto. Tutti pensano a un'altra delle sue trovate pubblicitarie, ma è proprio James, suo malgrado, a confessare la verità sul suo amico...

CAST

NOTE

- PRESENTATO AL FESTIVAL DI BERLINO (2003) NELLA SEZIONE "PANORAMA" E AL FESTIVAL DEL CINEMA GAY DI TORINO (2004).

CRITICA

PARTY MONSTER
"Sesso, droga e rock' n'roll per il bambino che 9 anni fa aveva perso l'aereo, Macaulay Culkin, e che in 'Party Monster' si ritrova ad aver perduto molto di più. (...) Piume e paillettes, ma naturalmente anche lacrime e sangue, droghe e sesso (piccolo ruolo anche per Marilyn Manson), fino al ragazzi difficili, gruppo di tendenza dietro cui ci sta come sempre infanzia disagiata e senza affetti. Fin troppo folk nel campionario di devianze sotto i riflettori, il racconto si agita con il contorno di spaccio e malavita, ma è molto ripetitivo con toni da videoclip." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 22 maggio 2004)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy