MORTE DI UNA RAGAZZA PERBENE

ITALIA - 1999
MORTE DI UNA RAGAZZA PERBENE
Una studentessa della scuola di restauro viene uccisa nel cortile della scuola stessa da un colpo di pistola, sparato dall'interno dell'edificio. Accanto a lei si trovava l'amica del cuore che è decisa a scoprire cosa sia accaduto. Il commissario incaricato delle indagini segue varie piste: un compagno della ragazza, preda di strani disturbi, che verrà poi trovato morto in circostanze poco chiare; un docente dell'accademia sospettato di aver firmato false expertise; la stessa amica della ragazza, che sembra sapere più di quanto non dica e che ha una relazione segreta con il fidanzato della vittima, un giovane medico...
  • Durata: 180'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO, THRILLER
  • Produzione: RAI FICTION REALIZZATA DA ROBERTO SESSA PER MASTROFILM

NOTE

MINISERIE TV DI 2 PUNTATE DA 90 MINUTI PER IL CICLO "DELITTI E SEGRETI" - RAIUNO

CRITICA

L'ambiente universitario è ritratto con una certa scontatezza e anche la trama non sa mai come liberarsi del retaggio della "cronaca vera". E non sono certo le citazioni colte (come il quartetto in re minore di Schubert "La morte e la fanciulla") a regalare allo sceneggiato la profondità che non ha. "Morte di una ragazza perbene" è ambientato in una scuola di restauro dove gli attori si sentono spaesati, fuori casa. Sembrano non capire se il regista Luigi Perelli pretenda da loro una recitazione realistica, stile "Piovra", o qualcosa di più onirico, più espressionista. Così si muovono nell'incertezza, pari a quella delle indagini sull'assassino. Tutti non fanno altro che nascondersi: nella storia, mentendo, nella recitazione, segregandosi nel manierato. (Aldo Grasso, "Corriere della Sera", 9.11.1999)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy