Marilyn ha gli occhi neri

ITALIA - 2021
3,5/5
Marilyn ha gli occhi neri
Clara è talmente brava a mentire che è la prima a credere alle sue bugie. Vitale e caotica, ha qualche problema a tenere a freno le sue pulsioni. Diego è il suo esatto contrario, un uomo provato dagli eventi, con varie psicosi e continui attacchi d'ira.
Si ritrovano in un Centro Diurno per il rehab di persone disturbate. La prova che li attende sembra impossibile: devono gestire un ristorante del Centro evitando qualsiasi conflitto con il resto del gruppo. Peccato che non abbiano alcun tipo di attitudine per le imprese di successo. Ma i due inizieranno presto a scoprire che l'unione può portare a risultati incredibili. E chissà, magari anche all'amore.
  • Durata: 110'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Produzione: MATTEO ROVERE PER GROENLANDIA CON RAI CINEMA
  • Distribuzione: 01 DISTRIBUTION
  • Data uscita 14 Ottobre 2021

TRAILER

RECENSIONE

di Giulai Lucchini

Dopo Moglie e marito (2017) e Croce e delizia (2019) il regista Simone Godano, affiancato sempre dalla sceneggiatrice Giulia Steigerwalt, dirige il suo terzo film dal titolo Marilyn ha gli occhi neri. Gli occhi neri sono quelli di Miriam Leone (sul set ha indossato delle lenti a contatto scure coprendo i suoi bellissimi occhi verdi) coprotagonista insieme a Stefano Accorsi di questa commedia sulla diversità.

Non è la prima volta che Godano, classe 1977, si occupa di manie e compulsioni. Già nel precedente Croce e delizia si era avvicinato al tema, ma questa volta le “stranezze” diventano le vere protagoniste del film. Diego (Accorsi) è balbuziente e non riesce a contenere i suoi scatti d’ira, cuoco perfezionista e pieno di tic. Clara (Leone) è una mitomane, bugiarda cronica e convintissima di somigliare a Marilyn Monroe. Entrambi fanno parte di un gruppo sottoposto a riabilitazione forzata sotto la guida di uno psichiatra. In questo percorso di rehab per persone disturbate dovranno imparare a gestire un ristorante.

Fresco, intelligente, delicato, leggero e profondo al tempo stesso, per certi versi sì scontato (l’happy end si snasa fin dal principio) ma va bene perché non potrebbe essere diversamente proprio come le commedie americane e quel cinema che Godano ama.

Stefano Accorsi al top, bravissimo nel restituirci questo personaggio balbuziente e pieno di tic, senza mai cadere nel ridicolo e nella macchietta, e Miriam Leone davvero credibile nel ruolo di questa ragazza un po’ sgangherata, ma molto vitale. Complici, perfetti nei rispettivi ruoli e molto affiatati consacrano con questo film ancora di più la loro unione professionale, già consolidata nelle tre precedenti stagioni della serie tv 1992 su Tangentopoli.

Allo stesso modo Simone Godano e Giulia Louise Steigerwalt confermano di essere un duo che insieme funziona e alla grande. Insomma questo film è davvero un poker di assi.

NOTE

- REALIZATO CON IL SOSTEGNO DEL MIC E DELLA REGIONE LAZIO - FONDO REGIONALE PER IL CINEMA E L'AUDIOVISIVO.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy