MARCO POLO

ITALIA - 1961
MARCO POLO
Marco Polo lascia Venezia proprio il giorno in cui avrebbe dovuto convolare a giuste nozze e parte alla volta dell'Oriente. Giunto in Mongolia si procura una guida cinese, salvandola da un orribile supplizio e, con questa, oltrepassata la muraglia cinese, entra a Pechino. Un corriere ha intanto avvisato il Gran Khan dell'arrivo di Marco Polo. L'imperatore dà ordine che il figlio di Messer Polo venga ricevuto con tutti gli onori, ma nel frattempo il viaggiatore è già finito in carcere per una zuffa con le guardie. Scarcerato e ricevuto a corte, Marco spiega al Gran Khan come strada facendo abbia incontrato un suo cugino, rifugiatosi sui monti assieme ad altri ribelli. Gli insorti, prosegue Marco, non odiano il Gran Khan, ma il suo primo ministro che sfrutta il popolo con continue vessazioni. Il primo ministro fa imprigionare il Gran Khan e attira Marco in un tranello: il veneziano riesce a sfuggire ai sicari e raggiunge i ribelli. Assieme assaltano Pechino, liberando il Gran Khan e la principessa: il primo ministro perisce durante il bombardamento della città. Ritornata la pace, Marco riparte verso il sud.
  • Durata: 100'
  • Colore: C
  • Genere: AVVENTURA
  • Specifiche tecniche: CINEMASCOPE TECHNICOLOR
  • Produzione: ERMANNO DONATI E LUIGI CARPENTIERI PER PANDA CIN.CA (ROMA), TRANSFILMORSA (PARIGI)
  • Distribuzione: UNIDIS

NOTE

TITOLO IN USA: "MARCO POLO" COM MUSICE SI LES BAXTER TITOLO FRANCESE "MARCO POLO (L'AVENTURE D'UN ITALIEN EN CHINE" SOTTOTITOLO: LA GRANDE AVVENTURA DI UN ITALIANO IN CINA

CRITICA

"(...) Se nel film v'è poco o nulla del Polo autentico, v'è in compenso una acettabile concitazione avventurosa ed un uso tutt'altro che volgare del colore, con qualche esotica coreografia cinese di ottima composizione" (C. G. Fava, "Corriere Mercantile", gannaio 1963)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy