Libero Burro

ITALIA - 1999
Libero Burro è un quarantenne di origine centromeridionale che ha deciso di fare il manager a Torino. Eccolo lanciarsi nell'azzardo di accaparrarsi La Cavallerizza, uno stabile in pieno centro di proprietà del suo amico perdigiorno Marione, indefesso giocatore di cavalli e padre della bella Rosa. Nelle sere di afa estiva, al tavolo del ristorante del marsigliese Tony, Libero racconta a gran voce sogni e progetti, e i ragazzi presenti lo ascoltano ammirati. Libero si mette poi a studiare alle scuole serali insieme ai marocchini per prendere il diploma di geometra. In questa occasione conosce Caterina, professoressa d'italiano, di cui diventa l'amante. Libero è estroverso, simpatico, dalla battuta pronta. Ma troppa invadenza comincia a dare fastidio. Così Gaetano Novaro, imprenditore laureato e affarista, lo contrasta in tutte le maniere. Per Libero la vita diventa difficile, le cose cambiano, Caterina lo mette sotto esame, e poi c'è Primo, un bambino solo che parla poco ma guarda molto. Libero non ha più il controllo della situazione, e allora decide di ripiegare su obiettivi più piccoli. Intanto c'è con lui Caterina. Poi, per il futuro, si vedrà.

CAST

NOTE

- REALIZZATO ANCHE CON IL CONTRIBUTO DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO-DIPARTIMENTO DELLO SPETTACOLO.

- GIRATO A TORINO E A SALINA (ISOLE EOLIE).

- PRESENTATO NELLA SEZIONE 'CINEMA DEL PRESENTE' ALLA MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA 1999.

CRITICA

"Sergio Castellitto, oltre a dirigere è anche il protagonista principale di questo film vivo e divertente, con qualche scompenso nella seconda parte, ma rivela decisamente un punto di vista registico degno di attenzione". (Enrico Magrelli, 'Film Tv', 21 settembre 1999)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy