LE OLIMPIADI DEI MARITI

ITALIA - 1960
Ugo e Raimondo, due giornalisti le cui mogli sono andate in villeggiatura, "abbordano" due ragazze tedesche venute a Roma per le Olimpiadi e sprovvedute in fatto di lingua italiana. Le due ragazze, credendo che Ugo ed il suo amico siano proprietari d'una pensione, accettano ben volentieri il loro invito di recarvisi e invadono l'appartamento di Ugo insieme ad un nutrito stuolo d'altri turisti germanici. A rendere più arruffata la situazione ecco arrivare, senza preavviso, anche le rispettive mogli dei due giornalisti i quali, per spiegare la presenza di tanta gente estranea nei loro appartamenti, ricorrono a fantastiche scuse. Raccontano dunque d'essere in possesso di prove inequivocabili seconde le quali Hitler è vivo. Sempre più irretiti dalla sequela di bugie che sono costretti a sfornare per salvare la pace coniugale, Ugo e Raimondo arrivano al punto di fare uscire un'edizione straordinaria del loro giornale con la sensazionale notizia. La comitiva di tedeschi, composta di neonazionalsocialisti, pretendono di sapere dai due malcapitati dove Hitler si nasconda realmente. Non avendo risposta, legano i due giornalisti e le loro mogli, tappano tutte le fessure della casa ed aprono la chiavetta del gas. Qualcuno suona alla porta e l'appartamento crolla con grande fragore. Dalla porta scardinata entra Hitler in persona.

CAST

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy