La Stanza

ITALIA - 2020
2/5
La Stanza
La mattina in cui Stella decide di togliersi la vita, alla sua porta bussa uno sconosciuto che sembra conoscerla fin troppo bene. Quando poi in casa arriva anche Sandro, l'uomo che ha spezzato il cuore di Stella, una situazione già complicata si trasforma rapidamente in caos: Giulio, lo sconosciuto, sembra intenzionato a portare alla luce tutti i segreti della casa.
  • Altri titoli:
    The Guest Room
    Chiusi in casa
  • Durata: 86'
  • Colore: C
  • Genere: PSICOLOGICO, THRILLER
  • Produzione: ANDREA OCCHIPINTI PER LUCKY RED
  • Distribuzione: AMAZON PRIME VIDEO
  • Data uscita 4 Gennaio 2021

TRAILER

RECENSIONE

di Giulia Lucchini

Non sono poche le coincidenze tra questo film e il periodo storico che stiamo vivendo. Tant’è che inizialmente si intitolava Chiusi in casa. Poi è diventato La stanza (dal 4 gennaio in anteprima esclusiva su Amazon Prime Video). Poco cambia, perché tutto comunque si svolge all’interno di uno stesso ambiente: una grande casa un po’ stile liberty e un po’ art noveau nella quale si aggirano tre strane figure.

Protagonisti sono Guido Caprino (sicuramente degno di nota per la sua interpretazione), Camilla Filippi ed Edoardo Pesce. Lo dirige Stefano Lodovichi, che dopo il noir In fondo al bosco, questa volta mette in scena un thriller psicologico.

All’inizio doveva essere un film sugli Hikkikomori, i ragazzi giapponesi che si chiudono in casa e si escludono dalla vita, ma il regista ha abbandonato l’argomento, perché troppo difficile, e ha scelto di fare un lungometraggio di finzione.

Ne è venuta fuori questa storia diversa e non meno complessa dell’idea iniziale. Un racconto sci-fi horror che per certi versi ricorda film come Room di Lenny Abrahamson o il più recente Shadows di Carlo Lavagna, su due sorelle adolescenti che vivono nascoste in un vecchio hotel abbandonato, con la severa Madre che le protegge dalle misteriose insidie del mondo esterno.

Aldilà di alcune buone tematiche, come già detto molto attuali, ovvero la casa come prigione e luogo dove emergono i segreti e gli incubi della famiglia e dove le inquietudini diventano ancora più pesanti, il film non riesce pienamente a raggiungere quella tensione, e soprattutto quell’introspezione psicologica, alla quale avrebbe aspirato. Poco convincente la trama, nonostante le premesse per un film di genere, che si interroga sulle possibili conseguenze del rapporto genitori-figli, erano buone.

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy