La porta del cielo

ITALIA - 1944
Nella commovente atmosfera di un treno bianco in viaggio verso Loreto, si inseriscono alcuni episodi di "casi" particolari: una vecchina che si reca alla Santa Casa per implorare la pace nella famiglia dove da tanti anni è a servizio come governante; un bimbo paraplegico accompagnato da una ragazza sola al mondo che lo assiste e lo conforta. I due entrano nelle simpatie di un ricco industriale - anch'egli paraplegico - il quale provvederà al loro sostentamento. Un giovane operaio, divenuto cieco a causa di un incidente sul lavoro, guidato da un suo ex collega tormentato dal rimorso di aver provocato l'incidente. Ed infine un valente pianista - cui una paralisi alla mano ha troncato una brillante carriera - che si è deciso al viaggio come tentativo disperato, senza però alcuna convinzione di fede. Il gruppo di sventurati si raccoglie nella Basilica e durante una suggestiva cerimonia invoca la guarigione dalla Madre Celeste...

CAST

NOTE

- FILM GIRATO CON I MEZZI FORNITI DAL C.C.C. (CENTRO CATTOLICO CINEMATOGRAFICO).

CRITICA

"Il film è assai nobile, rivela in ogni istante una scrupolosa cura, ha sequenze notevoli, ma è per lo più esteriore. Gli manca quel brivido umano e profondo che avrebbe dovuto far vibrare queste diverse ed uguali vicende; si compiace dell'inquadratura (e ve ne sono di bellissime), insiste su primi piani dolenti senza supporre che finiranno per elidersi a vicenda, e la stessa insistenza impiega in effetti sonori, dai canti alle preghiere." (Mario Gromo, "La Nuova Stampa", 12 gennaio 1946.)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy