KISSING JESSICA STEIN

USA - 2001
KISSING JESSICA STEIN
A Manhattan Jessica, giornalista newyorkese tenera ma nevrotica, delusa dagli uomini risponde ad un'intrigante inserzione nella sezione "donne che cercano donne". Incontra così una fascinosa intellettuale hippy, Helen Cooper, che le fa delle "avances" che Jessica , con sua sorpresa, scopre di gradire. Le due ragazze decidono quindi di iniziare un corteggiamento che, in assenza di ruoli prefissati, si rivela spassoso e romantico al tempo stesso.
  • Altri titoli:
    SEEKING SAME
  • Durata: 96'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA, ROMANTICO
  • Produzione: BRAD ZIONS FILMS, CINERIC INC., EDEN WURMFELD FILMS, MICHAEL ALDEN PRODUCTIONS
  • Distribuzione: 20TH CENTURY FOX ITALIA
  • Data uscita 20 Settembre 2002

NOTE

- LE DUE ATTRICI PRINCIPALI SONO ANCHE LE SCENEGGIATRICI.

CRITICA

"Jessica Stein è una stizzosa redattrice in crisi con gli uomini. Provare con le donne? Si potrebbe, ma la vergogna di matrice ebraica è un duro ostacolo. Un milione di dollari di budget e 7 di incasso in Usa per 'Kissing Jessica Stein', un Allen dei bei tempi al femminile, dal gran ritmo, dialoghi scoppiettanti e attori, sconosciuti, bravissimi. Charles Herman-Wurmfeld dirige il film con molta grazia e la protagonista Jennifer Westfeldt, anche sceneggiatrice, è una rivelazione. (Fabrizio Alò, 'Il Messaggero', 20 settembre 2002)

"Scritto per il teatro dalle due protagoniste, Jennifer Westfeldt e Heather Juergensen, il copione ha trovato, con la fresca regia di Wurmfeld, un brio da commedia da camera". (Enrico Magrelli, 'Film Tv', 24 settembre 2002)

"Uno spot agli amori lesbici in particolare e quelli omosessuali in genere, tenendo conto che i soli maschi accettabili sono rappresentati da una coppia gay che vive gaiamente la sua unione, tutti e due così servizievoli, carini, spiritosi. Naturalmente il bel quadretto era troppo sfacciatamente di parte e le due sceneggiatrici, che non sono altro che le due stesse protagoniste, ricorrono ad un escamotage che scongiuri il rischio del proselitismo: Jennifer scopre la sua sessuofobia, deludendo le aspettative della vorace Helen, mentre si rivede l'ex caporedattore di Helen, che non sbandiera più il suo maschilismo e chi vivrà, vedrà." (Adriano De Carlo, Il Giornale, 23 settembre. 2002)

"É sempre più raro imbattersi in una commedia brillante che si meriti davvero questo titolo e 'Kissing Jessica Stein' fa parte di questo ristrettissimo numero. Perché, nonostante i tanti elementi 'alleniani' (comicità ebraica, ambientazione upper class newyorkese, rimandi letterari e metacinematografici), si avverte il peso di sceneggiatura, regia, recitazione. Indubbiamente l'influenza di Allen, come dell'Edward Burns di 'Tentazioni d'amore', si fa sentire. Ma qui è una fortunata coincidenza di scrittura e recitazione a fare di più. (...) Un film sorprendente, come ritrovarsi a una festa in cui qualcuno ti fulmina con lo sguardo, e tu per timidezza non riesci ad avvicinarlo". (Raffaella Giancristofaro, 'Duel', 1 settembre 2002)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy