King Kong

USA - 1933
Carl Denham è un avventuroso produttore di documentari. Insieme a una giovane disoccupata di New York, Ann, parte alla volta di un'isola tropicale, Skull Island, abitata da un gigantesco e leggendario gorilla, King Kong. Il gorilla s'innamora della bella Ann e, preso in trappola, viene catturato da Denham. Portato a New York in catene, viene esibito. Ma King Kong riesce a liberarsi e a fuggire in cerca della sua amata Ann. Lo uccideranno sulla vetta dell'Empire State Building, dove si è rifugiato con la giovane donna, mitragliato da aerei da guerra.

CAST

NOTE

- GIRATO CON LA TECNICA DELLA STOP-MOTION IDEATA DA WILLIS O'BRIEN, E' STATO RIFATTO TRA MOLTE POLEMICHE E MINOR IMPATTO NEL 1976 DA DE LAURENTIIS.

- STEVE CLEMENTE E' ACCREDITATO COME STEVE CLEMENTO.

- IL FILM E' STATO CAMPIONE D'INCASSI NEGLI STATI UNITI NEL 1933.

CRITICA

"Forse King Kong non regge più di tanto nella sua modestia spettacolare e nei limiti oggettivi della sua artisticità a interpretazioni sociologiche o psicanalitiche, ideologiche o politiche. Ma certo la forza eversiva della grande scimmia come modello di alterità rispetto alla società americana del tempo, e più in generale del costume sociale e morale degli anni trenta, risulta ancor oggi vincente." (Gianni Rondolino, La Stampa, 14/2/1993)

"Simboli, allegorie, significati diversi. Attorno a King Kong sociologia e psicanalisi hanno danzato freneticamente con incredibile frequenza e corrispondenti quantità di tesi. Naturalmente, nel mezzo, c'è il motivo archetipo della bella e la bestia, con tutta la sua lunga scia letteraria. "E' stata la bella ad uccidere la bestia, non gli aerei", sospira alla fine del film Denham davanti alla carcassa di Kong. E teorie conseguenti, ad investire pure la figuretta di Fay Wray, l'attrice protagonista, eterea procace coinvolta in un'ipotesi erotica che lei non voleva riconoscere: "quando Merian C. Cooper mi disse che come coprotagonista del film avrei avuto l'attore più alto e scuro che Hollywood avesse mai visto, pensai a Cary Grant. Invece era Kong, una specie di essere mitologico e metafisico: il mio rapporto con lui non corrispondeva a quelle cose a sfondo sensuale che la gente pensava."
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy