Killer Elite

The Killer Elite

USA - 1975
La società privata COMTEG, diretta da Lawrence Weyburn, si occupa della protezione di enti e persone in base a ordini che spesso provengono direttamente dalla C.I.A. Ottimi agenti, e grandi amici, sono Mike e George. Un giorno, però, per oscuri maneggi, George uccide un personaggio e ferisce gravemente Mike che passa un lungo periodo in ospedale e poi presso l'infermiera Amy. Nonostante sia rimasto con un braccio e una gamba dai movimenti limitati, Mike viene recuperato per proteggere da George un politico orientale, Yon Chang. Messosi in azione con l'appoggio del meccanico Mac e del killer Miller, lo zoppicante Mike non tarda ad accorgersi che è Collins, vice di Weyburn, a muovere George contro Chang, avendo alle sue spalle la C.I.A. ll doppiogiuoco della grossa organizzazione e il pasticcio che ne deriva, costringono Mike a un duro lavoro ma...
  • Altri titoli:
    Tueur d'élite
    Los aristócratas del crimen
  • Durata: 125'
  • Colore: C
  • Genere: POLIZIESCO
  • Specifiche tecniche: CINESCOPE TECHNICOLOR (DE LUXE)
  • Tratto da: romanzo di Robert Rostand
  • Produzione: MARTIN BAUM E ARTHUR LEWIS PER EXETER ASSOCIATES
  • Distribuzione: UNITED ARTIST EUROPA INC 1976 - WARNER HOME VIDEO

NOTE

- GIRATO NELLA CITTA' E NELLA BAIA DI SAN FRANCISCO (USA).

- LA REVISIONE DEL 31-08-2004 HA ELIMINATO IL VIETATO A 18 ANNI.

CRITICA

"Il film si collega in genere con quelli che denunciano gli intrallazzi internazionali della CIA e in particolare con Il giorno del Condor . Si tratta, tuttavia, di un collegamento prettamente commerciale: il lavoro, infatti, essendo molto intricato nella trama e troppo fumettisticamente avventuroso, offre della spettacolarità di puro mestiere e manca assolutamente di incisività dottrinale. (...) Sam Peckinpah è notoriamente un regista che, pur essendosi dedicato ai generi più disparati, non ha mai proposto altro tema di fondo che quello della violenza: la violenza si nasconde ovunque ed è una inesorabile spirale poiché non produce altro che violenza. Naturalmente, data la differenza delle vicende e delle ambientazioni, a tale tema è solito aggiungere altri subordinati, come nel caso di 'Killer Elite', sorta di feroce requisitoria contro la violenza istituzionalizzata da organizzazioni ufficiali, come la CIA, che, condotte dal loro stesso meccanismo, sono divenute macchine infernali, disumane, cieche, spietate, disponibili alla corruzione. Tuttavia, quasi a dimostrazione del detto popolare che 'chi scherza col fuoco, rimane scottato', il famoso regista non di rado ha dato l'impressione di essere a sua volta troppo coinvolto dalla violenza nel senso che volendola descrivere in maniera convincente, diviene in se stessa una comunicazione di ambiguo effetto. A nostro avviso, il caso più clamoroso è offerto da 'Voglio la testa di Garcia', un autentico tripudio di brutalità dal quale il messaggio pacifista emerge lampante ma privo di efficacia, contrastato com'è dai peggiori sentimenti ai quali lo spettatore è emotivamente indirizzato. Il film presente, viceversa, ci sembra più adatto per affrontare il tema della violenza (...) Si rimane perplessi, tuttavia, nel notare che la censura di Stato, che a 'Voglio la testa di Garcia' ha apposto il V.M. 14, a questo film ha dato il V.M. 18: a noi parrebbe più esatto il contrario." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 92, 1982)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy