Io, Willy e Phil

Willie and Phil

USA - 1979
Io, Willy e Phil
Willy, insegnante ebreo, e Phil, fotografo di moda di origine italiana, si conoscono all'uscita di un cinema dopo aver assistito alla proiezione di "Jules et Jim", di François Truffaut, e diventano amici. In seguito incontrano a Central Park una ragazza, Jeannette, venuta a New York dalla provincia in cerca di fortuna, che diventa parte del loro trio. La giovane, che vuol bene a tutti e due, sposa Willy, ma fa anche l'amore, complice la droga, con Phil. Dopo qualche tempo nasce una bambina, che è figlia di Willy, ma quando questi parte per l'India in cerca di nuove esperienze spirituali, Jeannette inizia a fare coppia con Phil. Willy, che è compiaciuto come l'amico, di questo "mènage à trois", torna e convince la moglie a ritirarsi con lui in campagna a coltivare la terra, mentre Phil partirà per Los Angeles. Jeannette, però, si stufa presto della vita rurale. Lei, Willy e la loro figlioletta vanno allora a raggiungere Phil, ma stavolta il loro "mènage", complicato dalla contemporanea presenza dei due uomini, non funziona. Il terzetto si scioglie: Jeannette, tornata a New York, trova un lavoro e si sposa con un certo Igor, mentre Willy e Phil trovano moglie.
  • Altri titoli:
    Io, Willie e Phil
  • Durata: 114'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA, DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: 35 MM, DE LUXE
  • Produzione: PAUL MAZURSKY E TONY RAY PER 20TH CENTURY FOX
  • Distribuzione: FOX BALMAS (1980)
  • Vietato 14

CRITICA

"Storia di tre giovani 'sessantottini', che sull'onda della contestazione di ogni tabù sperimentano un modello antitradizionale di famiglia - fondato sulla distruzione della coppia, sulla bigamia femminile, sull'adulterio consensuale, che perciò non sarebbe più adulterio - salvo poi riconoscere l'impossibilità pratica di vivere fino in fondo la loro convivenza a tre, il film mira a documentare il fallimento di una delle tante rivolte giovanili, a descrivere con affettuosa ironia la fine di un'altra illusione." (Segnalazioni Cinematografiche, vol. 90, 1981)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy