INCANTO DI MEZZANOTTE

ITALIA - 1940
L'ultimo rampollo di una nobile famiglia del Veneto trovandosi in misere condizioni di fortuna, concede ad una società cinematografica americana l'autorizzazione di girare nel proprio avito castello un film che rievochi la storia d'amore dei suoi avoli. Si tratta di due coniugi che, separati, in vita da un dissidio creato dalla gelosia ingiusta del marito, si incontrano come fantasmi ogni notte nelle sale del castello per continuare la loro discussione, in cerca di una prova che possa riconciliarli. Un vecchio maggiordomo con la propria fedeltà ostinata e spesso visionaria, prepara ogni sera la tavola per i due fantasmi, così come suo nonno faceva quando essi erano vivi. I cineasti, che profanano il silenzio delle stanze contro ogni difesa accanita del vecchio maggiordomo, si trovano una notte al cospetto dei due fantasmi i quali, in seguito al disordine che la preparazione cinematografica ha provocato nel castello, possono finalmente rintracciare il famoso documento che dimostra l'innocenza della castellana ingiustamente sospettata. Mentre la compagnia cinematografica si dà a precipitosa fuga, i due fantasmi riconciliati si allontanano per sempre.

CAST

NOTE

DIRETTORE DI PRODUZIONE: TULLO TAORMINA CON LA COLLABORAZIONE DI GIUSEPPE BORDONI E CARLO CAJANO.
AIUTO REGISTA: BACCIO BANDINI.
FONICO: GIOVANNI BIANCHI.
COLLABORAZIONE ALLA REGIA : BACCIO BANDINI.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy