IL MAGO DELLA PIOGGIA

THE RAINMAKER

USA - 1951
IL MAGO DELLA PIOGGIA
Su Three Point, piccolo villaggio agricolo degli Stati Uniti, imperversa da tempo una grave siccità e le speranze della popolazione diminuiscono di giorno in giorno. I membri della famiglia Curry, il padre Noah e i due figli maschi Jim e Ned, sono preoccupati invece per Lizzie, ormai non più giovanissima e dal carattere scontroso, incapace di civettare con gli uomini e ancora senza un pretendente. Lizzie viene inviata per qualche tempo in città dagli zii, nella speranza che trovi marito, ma ancora una volta torna a casa delusa. Solo Ned, il primogenito, crede che in fondo non sia poi un gran male perché Lizzie avrà sempre un tetto e tanto affetto n casa loro. Il vicesceriffo del posto, File, ha un debole per Lizzie, ma poiché ha perduto da poco tempo la moglie, non riesce a prendere il coraggio di avvicinarsi alla ragazza, sempre così scontrosa. Quando il padre decide di prendere in mano la situazione e invita il vicesceriffo a cena, questi non si presenta, deludendo le aspettative di Lizzie. Quella stessa notte a casa Curry arriva Starbuck, un poeta girovago e imbroglione che promette a Noah di far piovere in cambio di 100 dollari. Durante la notte, Starbuck, che ha capito lo stato in cui si trova Lizzie, le parla esortandola a lasciarsi andare e ad essere se stessa e la bacia dandole la scossa decisiva per uscire dal suo letargo. Quando File arriva sia per arrestare Starbuck, considerato un pericoloso imbroglione, sia per tentare di non perdere definitivamente Lizzie, lei fa in modo che il mago della pioggia non venga catturato. Al termine della notte però Lizzie dovrà scegliere se salire sul carro con lui o rimanere a casa al fianco di File.
  • Durata: 121'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: 35 MM, VISTAVISION, TECHNICOLOR
  • Tratto da: COMMEDIA OMONIMA DI N. RICHARD NASH
  • Produzione: PARAMOUNT PICTURES
  • Distribuzione: PARAMOUNT - CIC VIDEO

NOTE

- GOLDEN GLOBE 1957 PER IL MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA A EARL HOLLIMAN.

CRITICA

"Pur rivelando l'origine teatrale, il film è condotto con ritmo vivace. L'interesse maggiore del lavoro è cosituito dallo studio dei particolari stati d'animo e della crisi risolutiva raggiunta da una giovane donna, personaggio ottimamente interpretato dalla Hepburn. Anche il carattere del millantatore-poeta è bene interpretato da Burt Lancaster. Lodevole l'opera del regista e la caratterizzazione degli altri personaggi." (Segnalazioni Cinematografiche, vol. 41, 1957)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy