Il comandante

ITALIA - 1963
Il comandante
Il severissimo colonnello Cavalli viene posto in pensione per raggiunti limiti d'età col grado di generale. In un primo momento Cavalli cerca di trascorrere le sue giornate scrivendo un memoriale; ma l'ozio della vita borghese finisce ben presto per intristirlo. La moglie (che svolge per conto suo una lucrosa attività) per toglierlo da questa umiliante situazione, lo fa assumere da un'impresa edilizia pagando lei stessa lo stipendio. I dirigenti dell'impresa però approfittano del nome specchiato del loro singolare impiegato per compiere una serie di speculazioni che finiscono per invischiare il generale al punto di rasentare la galera. Salverà ogni cosa, come sempre, la moglie pagando di tasca sua ed al generale non resterà che l'ozio, ma una sorta di ozio infantile fatto di giochi puerili ai giardinetti.
  • Durata: 109'
  • Colore: B/N
  • Genere: COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: VISTAVISION
  • Produzione: ALBERTO PUGLIESE E LUCIANO ERCOLI PER CINEMATOGRAFICA MEDITERRANEA, ORESTE COLTELLACCI PER INCEI
  • Distribuzione: TITANUS - INCEI - PANARECORD

CRITICA

"Il film offre all'attore Totò la possibilità di costruire (...) un carattere completo attraverso un'azione teatralmente coerente. (...) E' un film piacevolmente sceneggiato (...) nella onesta, casalinga commedia borghese di carattere." (Filippo Sacchi, 'Epoca', 12 luglio 1964)

"Tenero, amaro e spiritoso ritratto di galantuomo, patetico nella sua anacronistica ingenuità, che consente a Totò di staccarsi dalle solite macchiette delle quali è stato peraltro l'inarrivabile numero uno. Un bravo al misconosciuto Paolo Heusch (su soggetto e sceneggiatura di Rodolfo Sonego), che sa ben calibrare commozione e allegria, e un bravissima alla strepitosa finta burbera Andreina Pagnani". (Massimo Bertarelli,
'Il Giornale', 17 giugno 2001)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy