IL CLAN DEI DUE BORSALINI

ITALIA - 1971
Franco Franchetti, un trentasettenne ammogliato con prole, si iscrive alla scuola media, apparentemente per conseguire la relativa licenza, in realtà per studiare in loco il modo di penetrare, attraverso l'edificio scolastico, in una attigua oreficeria. Ufficialmente guardiano notturno in una villa, di fatto istruttore in una scuola per ladri, Franco però, prepara il "colpo" non tanto per sé, quanto come prova d'esame per i suoi allievi. Giunta, finalmente, la notte stabilita per svaligiare il negozio, mentre gli apprendisti ladri sono al lavoro egli si procura un alibi attirando con un tranello, nella villa di cui è custode, il proprio professor Francesco Ingrassini. Apparentemente, costui è un insospettabile insegnante: in realtà, di quando in quando, non si fa scrupoli di mettere in atto qualche piccolo colpo. Costretto, dall'inopinato incontro con un fantasma, ad abbandonare precipitosamente la villa, Franco, trascinandosi dietro il professore, si ricongiunge con i propri allievi. Non solo, però, costoro hanno fallito il "colpo", ma saranno proprio Franchetti e il professore a farne le spese. Finiti entrambi in prigione, non resterà al primo che riprendere le sue lezioni di furto, avendo stavolta come allievo il suo ex-insegnante.
  • Durata: 105'
  • Colore: C
  • Genere: COMICO
  • Specifiche tecniche: CINESCOPE TECHNICOLOR
  • Produzione: ANTHEO CINEMATOGRAFICA
  • Distribuzione: CIDIF

CRITICA

Mediocre parodia di alcuni film di successo, il lavoro -privo di una trama consistente e di trovate spiritose- si limita a sfruttare il consueto repertorio mimico dei due protagonisti (Segnalazioni Cinematografiche 71)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy