Hysteria

GRAN BRETAGNA, FRANCIA, LUSSEMBURGO, USA - 2011
2/5
Hysteria
Mortimer Granville, brillante medico della Londra del 1880, trova un impiego presso il Dottor Dalrymple, specializzato nel trattamento dei casi di isteria femminile. Le terapie a cui l'illustre medico sottopone le sue pazienti sono tanto efficaci quanto scandalose: si tratta di un "intimo massaggio manuale" , utile a combattere la repressione sessuale imperante in quell'epoca. Mortimer impara velocemente l'innovativo metodo terapeutico guadagnandosi ben presto la stima di Dalrymple, fino a ottenere la mano della figlia minore del dottore, Emily, una ragazza dall'indole mite e rispettosa delle regole, tutto l'opposto di sua sorella Charlotte, femminista ante litteram e convinta sostenitrice dei diritti delle donne e dei più deboli. Purtroppo, la pratica quotidiana del 'metodo' provocherà in Mortimer forti dolori che metteranno a rischio la sua brillante carriera ma poi, una geniale intuizione di Lord Edmund St. John-Smythe - nobile amico fraterno di Mortimer e appassionato di nuove tecnologie - gli farà venire in mente un'idea irresistibile: il risultato sarà una nuova pratica medica che provocherà sensazioni forti nelle sue pazienti. Il nuovo prodotto riscuoterà un enorme successo e, allo stesso tempo, l'amicizia con Charlotte farà risvegliare in Mortimer nuovi sentimenti e farà riemergere gli ideali per cui aveva deciso di intraprendere la strada della medicina.
  • Altri titoli:
    Oh My God !
    Hysteria...l'eccitante invenzione del vibratore...
  • Durata: 95'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA, ROMANTICO
  • Specifiche tecniche: ARRICAM LT/ARRICAM ST, 35 MM , SUPER 35 (3-PERF), DCP
  • Produzione: HYSTERIA FILMS LTD, BEACHFRONT FILMS, INFORMANT MEDIA, BY ALTERNATIVE PICTURES ET DELUX PRODUCTIONS
  • Distribuzione: BIM (2012)
  • Data uscita 24 Febbraio 2012

TRAILER

RECENSIONE

di Valerio Sammarco

Nell’Inghilterra del 1880 l’anziano dottor Dalrymple (Jonathan Pryce) lenisce le ansie e i turbamenti del gentil sesso (diagnosticati come “isteria”) praticando uno scientifico e ultraredditizio massaggio lì dove non batte il sole. Assunto da poco come assistente, il giovane dottor Mortimer Granville (Hugh Dancy) rivela notevoli qualità, ma l’incontro con la figlia ribelle di Dalrymple, Charlotte (Maggie Gyllenhaal), che ha abbandonato il lusso e gli agi per dedicarsi ai poveri e alla difesa dei diritti delle donne, lo allontana strada facendo da quel “radioso futuro” che il principale aveva in serbo per lui. Fino a quando, anche grazie all’amico di sempre, l’inventore progressista Edmund St. John-Smythe (Rupert Everett), ossessionato dalla nuova scoperta dell’elettricità, non concepisce il primo modello di vibratore elettromeccanico…
Come non sbellicarsi di fronte a donne di altri tempi, vestitissime, (quasi) tutte over 50 sdraiate a gambe larghe per “curare” la propria inquietudine grazie al “magic touch”? E come non “stupirsi” del percorso del giovane Granville, dottore cacciato ad inizio film da un ospedale perché troppo informato sulle nuove scoperte in fatto di germi e altri progressi in campo medico? Ha già convinto molti Hysteria di Tanya Wexler, forte di un “richiamo” pubblicitario che in un paese pruriginoso e frustrato come il nostro non farà fatica ad attecchire. Il pregio del film, però, va ricercato nel tratteggio di un personaggio femminile che Maggie Gyllenhaal riesce a rendere con un buon mix di sana follia e, perché no, simpatica “isteria”: femminista socialista ante litteram, la sua Charlotte – insieme allo stravagante Everett – tiene in piedi il racconto (strutturato con una prevedibilità che sa di furbizia) fino ai titoli di coda. Prima dei quali anche la non più avvenente Regina Vittoria avrà modo di sperimentare la nuova, vibrante scoperta.

NOTE

- STEPHEN DYER FIGURA ANCHE COME PRODUTTORE ESECUTIVO.

- IN CONCORSO ALLA VI EDIZIONE DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL FILM DI ROMA (2011).

CRITICA

"Applausi e risate per 'Histerya', il film (in gara) della regista americana Tanya Wexler che racconta la nascita del vibratore. (...) Siamo dalla parte opposta all'erotismo solitario di 'Irina Palm', il film che impegna la protagonista (Marianne Faithfull) con una mano sola. Ma se lì si fa sesso a pagamento per soli uomini, questa deliziosa commedia in costume tratta un argomento apparentemente scabroso con l'eleganza di un film di James Ivory." (Valerio Cappelli, 'Il Corriere della Sera', 28 ottobre 2011)

"Tutto sta nel tocco, nello stile, nell'ironia, insomma nella classe. L'argomento di questa commedia inglese purosangue, datata Londra 1880, è l'invenzione del vibratore elettromeccanico. (...) Sembrerebbe un tema grossolano, invece il clan tutto femminile che ha realizzato il film sa essere spiritosamente elegante, (...). L'idea vincente di Tanya Wexler, regista americana nota fra gli indipendenti, è proprio quella di aver trainato su un soggettino scabroso letto in chiave femminista anche il lato del volontariato contro una classe borghese immune da ogni pietà. (...) Maggie Gyllenhaal, già campionessa di sado maso in orario d'ufficio ma anche Tata Matilda, sorride e fa sorridere con simpatia rara in un film dal dècor molto british professionale. Il massaggio intimo è pudicamente nascosto, solo intuito nella mano con l'unguento e negli occhi sgranati di adorabili ladies carenti di affetto: basta avere sense of humour. E' il lato il contraltare di 'Irina Palm' con cui il nostro eroe condivide un'ovvia tendinite che non c'entra col tennis, è un prologo alla storia di Sigmud, Jung e la Spielrein. I momenti di piacere son chiamati «parossismi» e ne è campionessa una ex prostituta ora cameriera bella presenza offresi, la spiritosa Sheridan Smith: e con quel magico piumino si arriva a tre parossismi in cinque minuti." (Maurizio Porro, 'Il Corriere della Sera', 24 febbraio 2012)

"Quando il facsimile è confezionato nel modo di 'Hysteria' di Tanya Wexler (...) è un vero spasso. Il cinema inglese spesso gioca con se stesso, con le sue costanti culturali, si cita e si rinnova all'infinito nella riscrittura di romanzi e ambientazioni ottocentesche, ma questo film pur di produzione inglese e lussemburghese (c'è anche Arte) è cinema americano indipendente e femminista, di un gusto scatenato e militante. (...) Poiché siamo in epoca vittoriana, il tutto viene fatto con grande professionalità, decoro e riserbo ma soprattutto con il senso del guadagno, la base per cui i popoli protestanti sono ben accetti da dio e vanno dritti in paradiso. L'elemento guastatore è miss Charlotte Dalrymple. (...) Non c'è bisogno di dire che in tutto questo panorama scorre fertile l'ombra di Cronin e della sua Cittadella, tra necessità di clientela bene e assistenza ai bisognosi. Ma il colpo di scena avviene quando convergeranno con lampo di genio l'abilità meccanica del Lord e i crampi alla mano del giovane medico assorbito dal superlavoro e verrà alla luce il nuovo congegno capace di «far raggiungere il parossismo» alle pazienti in pochi minuti. La storia è basata su fatti autentici e il film, ha dichiarato la regista, è stato accolto con un certo imbarazzo negli Usa, dove l'oggetto in questione fu pubblicizzato nei cataloghi fin dal 1920 (ma in Alabama ne è tuttora vietata la vendita)." (Silvana Silvestri, 'Il Manifesto', 24 febbraio 2012)

"Da un blando spunto trasgressivo nasce un film blandamente provocatorio e in fin dei conti blandamente divertente. In 'Hysteria' - visto e sin troppo applaudito all'ultimo festival di Roma - sulla scorta, a suo dire, di dati storici reali, la regista Tanya Wexler sviluppa in forma di commedia ammiccante e mai volgare l'invenzione di un ingegnoso strumento ancora oggi non del tutto rinomato e sdoganato: il vibratore a batterie. (...) La satira di costume, rivolta contro le barricate sessuofobiche erette dalla morale vittoriana e la pretenziosa e inefficiente scienza medica tutta purghe e salassi nonché applicata col sorriso sulle labbra alla nascita del primo sex toy della storia, non va, però, al di là dell'innocua curiosità, anche perché il film s'incanala ben presto sulla strada della commedia romantica per tutti. Si ride e si sorride volentieri, ma ciò che fa abbassare il livello di 'Hysteria' non sono le inevitabili approssimazioni scientifiche, bensì la piattezza del ritmo e la monodimensionalità dei caratteri che escludono in pratica un'autentica possibilità di scandalizzare qualcuno o demistificare alcunché." (Valerio Caprara, 'Il Mattino', 24 febbraio 2012)

"Commedia britannica tratta da una storia vera, ma largamente romanzata e immersa in un bagno di humour inoffensivo. (...) Resi gli onori all'assenza di volgarità con cui affronta il soggetto, non si può dire che 'Hiysteria' sia un capolavoro di divertimento. Fortuna che c'è il valore aggiunto di Rupert Everett, spiritoso nella parte di un barbuto proselita dell'elettricità. Si consiglia di non lasciare la sala con troppa fretta: la gag migliore è in coda ai titoli." (Roberto Nepoti, 'La Repubblica', 24 febbraio 2012)

"Ben curato nell'ambientazione d'epoca e recitato da un eccellente gruppo di attori britannici che include Jonathan Pryce e Rupert Everett, il film resta sulla superficie delle tematiche affrontate giocando più sul registro della commedia romantica che su quello della satira di costume, ma far ridere con leggerezza sulle paradossali conseguenze di un'ottusa sessuofobia resta comunque un bel risultato." (Alessandra Levantesi Kezich, 'La Stampa', 24 febbraio 2012)

"'Hysteria', una commedia sull'uomo che inventò il vibratore, riesce a ricreare sorprendentemente bene quel contesto in cui il parossismo isterico (l'orgasmo) era considerato un oggetto di studio della professione medica e, allo stesso tempo, accantonato come qualcosa di diverso dal piacere. Anche se il film è una commedia in costume piuttosto convenzionale, la sceneggiatura coglie in modo delicato e intelligente alcuni aspetti di un'epoca di profonde contraddizioni. (...) Anche se parla molto di masturbazione, il film non indugia sulla sessualità, ma cerca di dare un quadro di un periodo storico irritante." ('Internazionale', 24 febbraio 2012)

"Piacerà a chi da anni reclamava per il sesso diritto di cittadinanza nella commedia inglese. Nel cinema e nel teatro britannici, per decenni l'eros non ha avuto cittadinanza. O ne ha avuta troppa. Passando continuamente dall'abbottonatissima 'piece' salottiera alla farsa becera sui lattai, tassisti, idraulici super arrapati. Niente sesso come normale pratica quotidiana al centro della vicenda. 'Hysteria', ambientato non casualmente negli anni di Freud, rimette il piacere fisico al centro della partita. Con humor e vivacità tipicamente anglosassone. Accostando argutamente suffragette e signore privilegiate. Le prime reclamano il diritto al voto, le seconde all'orgasmo (è emblematico che per entrambe le categorie l'uomo giusto sia il probo dottor Granville).Lo spunto è simpatico, i personaggi vivaci, ma gli sviluppi sono anche troppo prevedibili. Per fortuna a portarli avanti è una talentuosa giovane narratrice, Tanya Wexler, figlia di Haskell Wexler portentoso direttore della fotografia di 'Qualcuno volò sul cuculo'. Papà sapeva fotografare ma non raccontare (...). Tanya tiene lunghe le redini del divertimento fino all'ultimo. E dirige benissimo gli attori." (Giorgio Carbone, 'Libero', 24 febbraio 2012)

"«Non denigrare la masturbazione, è sesso con qualcuno che amo!»: a dar retta a Woody Allen, la regista Tanya Wexler deve peccare di autostima. Back in the days, il suo 'Hysteria' elogia le good vibrations del vibratore, ma tra frizzi e prurigini l'orgasmo latita e il climax è della furbizia. (...) Sia chiaro, i motivi per riderci su ci sono, a partire dalla Regina Vittoria e altre vegliarde vestitissime e a gambe larghe in cerca di un po' di sollievo. La follia femminista di Maggie Gyllenhaal è travolgente, le extravaganze di Everett danno nell'occhio, ma finisce qui: drammaturgia meccanica, humour a manovella e trasgressione pastorizzata. Vibra bene chi vibra ultimo?" (Federico Pontiggia, 'Il Fatto Quotidiano', 24 febbraio 2012)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy