Hiroshima mon amour

FRANCIA, GIAPPONE - 1959
Hiroshima mon amour
Una francese ed un giapponese s'incontrano a Hiroshima, dove la donna si è recata per recitare una parte in un film di propaganda pacifista, mentre l'uomo vi ha il suo domicilio e vi esercita la professione di architetto. Nessuno dei due ha una conoscenza esatta dei terribili casi successi a Hiroshima al tempo della distruzione della città: non hanno "visto". Ma l'architetto giapponese porta la storia di Hiroshima impressa in maniera indelebile nel suo spirito col ricordo della sua famiglia distrutta, così come la donna porta dentro di sé il ricordo del soldato tedesco, che, diciottenne, ella ha amato a Nevers, l'uomo la cui uccisione la trascinò alle soglie della follia. Ora sono entrambi, lo confessano, felicemente sposati. Lei ha cercato di seppellire il passato quando le sono nati i figli mentre lui tenta di superarlo lavorando alla riedificazione della città. Non hanno che poche ore innanzi a sé, poiché la donna deve ripartire per la Francia. Poche ore per sfuggirsi e ricercarsi per le vie, per le piazze, nei caffè, nelle sale di attesa, ma devono lasciarsi: anche sul loro amore cadrà l'oblio.
  • Altri titoli:
    Hiroshima, mon amour
    24 Hour Affair
  • Durata: 91'
  • Colore: B/N
  • Genere: DRAMMATICO, GUERRA, ROMANTICO
  • Tratto da: romanzo di Marguerite Duras
  • Produzione: ANATOLE DAUMAN E SAMY HALFON PER ARGOS FILM/COMO/DAIEI STUDIOS/PATHE' ENTERTAINMENT
  • Distribuzione: GLOBE, CINETECA DI BOLOGNA, IN COLLABORAZIONE CON CIRCUITO CINEMA (2014) - MONDADORI VIDEO (IL GRANDE CINEMA)
  • Data uscita 28 Aprile 2014

TRAILER

NOTE

- NEL 2014 TORNA IN SALA LA VERSIONE RESTAURATA DA ARGOS FILMS, FONDATION GROUPAMA GAN POUR LE CINÉMA, FONDATION TECHNICOLOR POUR LE PATRIMOINE DU CINÉMA, FONDAZIONE CINETECA DI BOLOGNA, CON IL SOSTEGNO DI CENTRE NATIONAL DU CINÉMA ET DE L'IMAGE ANIMÉE PRESSO IL LABORATORIO L'IMMAGINE RITROVATA NEL 2013. COLOR GRADING SUPERVISIONATO DA RENATO BERTA.

CRITICA

"E' l'opera singolare di un nuovo regista francese. In una doppia cornice - una Hiroshima, rinata, ma non dimentica degli orrori passati, e una Nevers provinciale e monotona nella quale però non sono cancellate le drammatiche conseguenze della guerra - è ambientato, con la tecnica degli incastri spezzettati, un 'nuovo amore' della protagonista, che ne rievoca un antico. L'eccesso del cerebralismo e un compiacente preziosismo che ricorda l'espressionismo tedesco e l'avanguardismo francese, compromettono la riuscita del film, che presenta tuttavia buone pagine di cinematografia e si vale di un'ottima interpretazione." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 46, 1959)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy