Gli anni dei ricordi

How to Make an American Quilt

USA - 1996
Gli anni dei ricordi
Finn, studentessa a Berkeley per un corso post-laurea, è andata a trascorrere l'estate in casa della nonna Hy e della prozia Glady Joe. Circondata da aranceti, a Grasse, in California, la casa della nonna è un tranquillo rifugio che Finn ha scelto per portare a termine la sua tesi sui riti dell'artigianato femminile nelle culture tribali. Ma, circostanza ancora più importante, Finn ha bisogno dell'estate per riflettere su una proposta di matrimonio ricevuta da Sam, il suo fidanzato. Le due padrone di casa, che nella loro vita hanno avuto varie esperienze, la aiuteranno a decidere con saggezza. Nella loro bella casa Hy e Glady Joe ospitano il "Circolo della trapunta", formato da un gruppo di donne che mentre lavorano con ago e filo per realizzare la "trapunta matrimoniale di Finn", raccontano alla giovane le storie d'amore che hanno cadenzato e plasmato la loro vita. Racconti di amore sincero e di tradimenti, di felicità e di cuori spezzati vengono rievocati. Ogni storia è "unica" come lo sono le protagoniste: Anna, la imponente "maestra di trapunta", ex cameriera in casa quando Hy e Glady Joe erano adolescenti; Marianna, la figlia di Anna, romantica avventuriera e confidente di Finn; Em, moglie e musa di Dean, un artista poco fedele; Sofia, donna sensibile, travolta dai dispiaceri della vita e dal matrimonio. Alternato alle sequenze della laboriosa confezione della trapunta, il carosello di donne con i loro uomini, i loro ricordi e le loro emozioni rotea intorno a Finn. E anche Finn viene coinvolta quando Leon, un giovane romantico, prova a distoglierla dal suo lavoro e dal fidanzato. Disorientata e frastornata da tanti e così diversi stimoli la giovane studentessa stenta a trovare una risposta al suo problema.
  • Durata: 109'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Tratto da: romanzo "How to Make an American Quilt" di Whitney Otto
  • Produzione: SARAH PILLSBURY E MIDGE SANFORD PER AMBLIN ENTERTAINMENT, UNIVERSAL PICTURES
  • Distribuzione: UIP

NOTE

- REVISIONE MINISTERO MAGGIO 1996.

CRITICA

"Certo il doppiaggio italiano, all'insegna di un birignao insopportabile, non aiuta il film, che in certi momenti sembra la copia hollywoodiana di 'Va dove ti porta il cuore', compreso il turbine di vento che irrompe nella casa scompaginando le carte. 'Gli anni dei ricordi' finisce con l'essere uno di quei film corali che piacciono tanto alle donne di mezza età: il che andrebbe benissimo se un'atmosfera fasulla, un po' gnè-gnè, non si spargesse come melassa sulla storiella. Le cui interpreti - da Anna Bancroft a Ellen Burstyn, da Kate Nelligan a Kate Capshaw - si producono in una recitazione tutta mosse e mossette, alla quale purtroppo non si sottrae nemmeno la protagonista Winona Ryder. (Michele Anselmi, 'l'Unità', 10 giugno 1996)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy