Famosa

ITALIA - 2019
1,5/5
Famosa
In un piccolo paese della Ciociaria vive Rocco, un ragazzo prossimo ai diciotto anni, incompreso e solitario, che desidera trasferirsi nella Capitale per poter realizzare il suo più grande sogno: diventare un ballerino. Con tenacia e grande forza di volontà, Rocco riuscirà ad intraprendere il tanto agognato viaggio, ma la realtà che lo attende non sarà quella sperata e il suo sogno verrà ancora una volta messo alla prova.
  • Durata: 90'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Produzione: CARLO DEGLI ESPOSTI, NICOLA SERRA PER PALOMAR, CON RAI CINEMA IN CO-PRODUZIONE CON LA CANICA FILMS
  • Distribuzione: EUROPICTURES (2020)
  • Data uscita 13 Luglio 2020

TRAILER

RECENSIONE

di Emanuele Rauco
Come si può credere o almeno stare a sentire un film ambientato ai nostri giorni in cui un personaggio che vive in provincia di Frosinone, a meno di 100 km da Roma, non sa cosa sia Cinecittà e ne storpia il nome?

Alessandra Mortelliti esordisce con un film che vorrebbe essere una favola contemporanea ma che pare perduto in un remoto passato cinematografico.

Il protagonista, Rocco, è un ragazzino, sognatore di provincia, un po’ schernito dai compagni e un po’ bullizzato dal padre, che vuole partecipare alle audizioni di un talent per diventare ballerino. Un percorso che sarà anche la scoperta di sé stesso.

Mortelliti parte da una sua opera teatrale, in cui recitava il/la protagonista, e assieme alla co-sceneggiatrice Laura Pacelli compone un racconto di realizzazione e auto-determinazione, tra film sociale e pubblicità progresso che non sta in piedi in nessun senso.


A partire dal contesto e dall’ambientazione realistica, che quindi dovrebbe permettere al pubblico giovanile cui si rivolge di identificarsi e riconoscersi, che invece sembra uscita da una sorta di passato permanente in cui ogni personaggio corrisponde a un cliché retrogrado, in cui ogni aggiornamento è stantio dalla nascita, in cui manca completamente un’idea di vita e di mondo che non sembri anacronistica; per arrivare alle pieghe di un racconto che si compiace di ogni prevedibile svolta patetica possibile, in cui il tono è di costante vittimismo, di greve e pigro sensazionalismo che fa il paio con una messinscena che naviga a vista tra soap e tv adolescenziale, senza che il cinema faccia mai capolino, o quasi (il balletto finale è inverecondo).

Ma soprattutto, a cosa serve un film del genere, a chi serve un film così, in termini di rappresentazione della diversità, in cui tutto è chiuso in un determinismo socio-cultural-geografico che semplifica ogni idea e la rende di fatto inesistente? Secondo chi scrive, a nessuno.

Anzi, rischia di fare danni, di creare ghetti, di demonizzare in modo involontario: dopo un calvario del genere chi sarebbe disposto a vivere il proprio essere con fierezza?

NOTE

- ALLA XVII EDIZIONE DI 'ALICE NELLA CITTÀ (2019), SEZIONE AUTONOMA E PARALLELA DELLA FESTA DEL CINEMA DI ROMA, NELLA SEZIONE 'ALICE | PANORAMA ITALIA'.

- OPERA REALIZZATA CON IL SOSTEGNO DELLA REGIONE LAZIO, FONDO REGIONALE PER IL CINEMA E L'AUDIOVISIVO. PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA.

- PRODUTTORE ESECUTIVO: SANDRA BONACCHI.

- DISPONIBILE ON DEMAND SULLE MIGLIORI PIATTAFORME DAL 31 LUGLIO 2020.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy