DUETTO VAGABONDO

ITALIA - 1938
Due giovani, che hanno aperto una agenzia di informazioni, non riescono a sbarcare il lunario. Ma, proprio mentre il loro padrone di casa li sta sfrattando per via legale, incontrano una giovane vedova che li incarica di indagini sul conto di un aspirante alla mano della zia, ricca possidente di campagna. I due compari accettano entusiasticamente e si installano nella villa della zia ove, grazie soprattutto al caso, riescono a svelare la vera identità del pretendente; e a dimostrare come egli, di notte tempo inscenasse episodi di spiriti folletti nelle proprietà della ricca signora allo scopo di svalutarle e acquistarle sotto costo. L'avvenire dei due soci è assicurato dopo la brillante operazione, tanto più che, nel loro breve soggiorno, hanno avuto modo di innamorarsi, ricambiati, delle denarose clienti.
  • Durata: 78'
  • Colore: B/N
  • Genere: COMMEDIA
  • Produzione: ANGELO BESOZZI PER L'AURORA FONOROMA
  • Distribuzione: ICI

NOTE

DIRETTORE DI PRODUZIONE: VALENTINO BROSIO.
AIUTO REGISTA: CARLO BORGHESIO.

CRITICA

"(...) Seguii le avventure davvero mirabolanti di Besozzi e Viarisio, ormai inseparabili sia nella buona che nella cattiva sorte, nei buoni e nei cattivi film. (...) Non giudicherò dunque Duetto Vagabondo. Del resto il pubblico del cinematografo, composto di donne infagottate, di studenti, di soldati e di marinai, mi parve che si divertisse molto ai lazzi di Besozzi e Viarisio e alle spiritosaggini che infiorano il film. Le risate erano frequenti e rumorose. E un aria gelida (...) codeste risate fresche e squillanti riuscivano quasi a riscaldare l'ambiente o almeno a dare l'illusione di riscaldarlo un poco. Del che dobbiamo essere grati, soprattutto, a Guglielmo Giannini". (A.Franci, "Illustrazione Italiana" n.3, 15/1/1939).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy