American Pie 2

USA - 2001
American Pie 2
Al ritorno dal primo anno di college, i nostri amici affittano una casa al mare per passare insieme un' estate "di fuoco" nella speranza di trovare ragazze disponibili a divertirsi con loro. Le feste e le avventure saranno numerose, ma quel che più conta, è rimanere uniti tra loro.
  • Durata: 130'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Produzione: UNIVERSAL PICTURES - ZIDE/PERRY - LIVEPLANET
  • Distribuzione: UIP
  • Riedizione 2^ EDIZIONE (2003)
  • Data uscita 31 Ottobre 2001

NOTE

- LA REVISIONE MINISTERIALE DICEMBRE 2003 HA TOLTO IL VIETATO ANNI 14 .

CRITICA

"(...) il sesso è roba da ragazzini brufolosi, trovate l'anima gemella e tenetevela stretta. Anche se nel frattempo gli eterni pruriti ispirano l'ennesimo film sciocco e zozzetto. Bene solo Jason Biggs e la flautista Alyson Haningan. Assenti le trovate volgari ma efficaci del primo film. E ridere diventa difficilissimo". (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 2 novembre 2001)

"C'è un corto circuito verosimile dell'irriverenza adolescenziale e dei suoi dogmi, ma nella vita i ragazzi sono più disponibili a non prendersi sul serio. E poi molte delle gag sono complementari o alternative a quelle del precedente capitolo. Simile, se non peggiorata, anche la direzione degli attori e il passo complessivo: al timone, al posto dei fratelli Weltz, c'è J. B. Rogers. Si sente la fretta di cavalcare un successo che produttori e attori non si aspettavano". (Silvio Danese, 'Il Giorno', 2 novembre 2001)

"Nel filone 'educazione sentimentale vista dal buco della serratura', il film, ben recitato, scivola via con ritmo e con un sentimento 'basso', ma radicato nella vita reale. Restano alcune invenzioni da antologia, per esempio la verissima 'regola del tre': (...) Se Boldi e De Sica avessero vent'anni, sarebbero già partiti per il lago Michigan". (Piera Detassis, 'Panorama', 8 novembre 2001)

"Il film va ripetendo negli Stati Uniti lo strepitoso successo commerciale della prima puntata, grazie a tutte le stupidaggini dell'età dei protagonisti: sesso telefonico, filosofie orientali, in funzione del potenziamento sessuale, spavalderie, risate, porcheriole, La regia è passata dai fratelli Paul e Chris Weitz a J. B. Rogers, un regista meno efficace ma che davvero non si vergogna di nulla. I giovanissimi attori sono piuttosto bravi." (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 9 novembre 2001)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy