Agente 007, bersaglio mobile

A View to a Kill

GRAN BRETAGNA, USA - 1985
Agente 007, bersaglio mobile
James Bond viene incaricato di scoprire la produzione di sofisticatissimi microchips da computer simili a quelli realizzati nella Silicon Valley. Ovviamente, anche i Servizi segreti sovietici sono interessati all'affare, Bond viene inviato a Parigi, dove avvicina Max Zorin - un industriale di orgine russa - fingendo di interessarsi ad un acquisto in un allevamento di cavalli. Nella villa di Zorin, aiutato da un collega,. Bond riesce a penetrare in un laboratorio sotterraneo e là trova le prove che gli occorrono. Il collega, tuttavia, viene ucciso da May Day, una spietata collaboratrice di Zorin, che per poco non riesce ad uccidere anche Bond. Zorin, è in realtà un agente del KGB, ora deciso a tradire i russi e a vendere loro un progetto spettacolare: provocare nel sottosuolo della Silicon Valley un movimento tellurico, destinato a distruggere tutte le installazioni tecnologiche. Bond riesce ad individuare la base operativa di Zorin e vi si introduce, accompagnato da Stacey Sutton figlia di un ex proprietario del luogo. La miniera viene allagata ma Bond riesce a far scoppiare all'esterno della miniera il terribile ordigno. Zorin fugge su un dirigibile con Stacey, ma Bond riesce a fare incagliare il dirigibile su un pilone del ponte di San Francisco. Dopo una spaventosa lotta James Bond uccide Zorin e recuperata la ragazza.
  • Altri titoli:
    From a View to a Kill
    Ian Fleming's 'A View to a Kill'
    Dangereusement vôtre
    Panorama para matar
  • Durata: 130'
  • Colore: C
  • Genere: AZIONE, SPIONAGGIO, THRILLER, AVVENTURA
  • Specifiche tecniche: SCOPE A COLORI, 35MM (1:2.35)
  • Tratto da: Racconto di Ian Fleming
  • Produzione: ALBERT R. BROCCOLI E MICHAEL G. WILSON PER MGM/UA
  • Distribuzione: UIP - WARNER HOME VIDEO (GLI SCUDI), DVD: 20TH CENTURY FOX HOME ENTERTAINMENT (2008)

CRITICA

Sedicesima puntata del ciclo James Bond. A parte qualche sequenza d'effetto non è tra le migliori. Nonostante la simpatia di Roger Moore e la terribile grinta di Grace Jones, solo i fans di 007 apprezzeranno questo film. (Laura e Morando Morandini, Telesette)

Il film è ricco di trovate anche amene e spiritose e di esiti spettacolari. Gli effetti sono davvero speciali e la fotografia è più notevole fin dalla originale presentazione, assistita questa, mentre scorrono i titoli di testa da una stimolante canzone dei Duran Duran. Il divertimento è garantito per tutti. (Segnalazioni cinematografiche)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy