A mia sorella!

A ma soeur!

FRANCIA, ITALIA - 2001
Anais ha dodici anni, è sgraziata e bulimica, e ha una sorella quindicenne, Elena, con la quale ha un rapporto di amore-odio. Anais è chiusa in se stessa e sperimenta le proprie emozioni attraverso Elena, solare e bellissima. Durante le vacanze estive le due sorelle faranno un'esperienza che aprirà le porte ad una tragedia.
  • Altri titoli:
    For My Sister
    Fat Girl
  • Durata: 93'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: (1.85) 35 MM. DOLBY DIGITAL
  • Produzione: ARTE FRANCE CINEMA - CB FILMS - FLACH FILM - IMMAGINE & CINEMA - URANIA PICTURES - CENTRE NATIONAL DE LA CINEMATOGRAPHIE
  • Distribuzione: ISTITUTO LUCE
  • Vietato 14
  • Data uscita 15 Giugno 2001

NOTE

- REVISIONE MINISTERO GIUGNO/LUGLIO 2001

CRITICA

"Quello della Breillat è un film che non mancherà di far discutere; non per 'erezione a vista, ma per una sorta d'immoralismo programmatico messo lì per 'stupire il borghese'. (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 11 febbraio 2001)

"La Breillat alterna sapientemente il racconto analitico con le ellissi più ardite. Il finale, preparato con angosciante meticolosità raccontando un viaggio a rischio sull'autostrada, si risolve in uno choc inatteso e tremendo. Accolto bene, 'A ma soeur' conferma il talento di una regista che sa ciò che vuole e padroneggia i mezzi per ottenerlo". (Tullio Kezich, 'Corriere della Sera', 11 febbraio 2001).

"Il primo amore. La perdita della verginità. Per ritrovare un ritratto altrettanto intenso, fisico-psichico, di adolescenza femminile, bisogna tornare al 'Sweetie' di Jane Campion. Catherine Breillat (l'autrice del semi-hard 'Romance'), ha però un difetto di cronaca: forse oggi la perdita della verginità, per un'adolescente non è più la scelta emotivamente così tormentata che qui ci viene raccontata in progressivi dettagli sessuali, osservata, cosa più importante, da una sorella minore bulimica, ma non autodistruttiva". (Silvio Danese, 'Il giorno', 8 giugno 2001).

"Invidia, gelosia, fantasie inconfessate, giochi di potere. Peccato che questo doppio ritratto adolescenziale si trascini dietro una cornice 'adulta' di rara insipienza. Inutile scavare con tanta esattezza e crudeltà nel groviglio di sentimenti che lega le due sorelle se la famiglia poi è così piatta, 'teorica'. Folgoranti invece, anche per l'intelligenza del racconto, la doppia apparizione di Laura Betti". (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 15 giugno 2001)

"Immersione dell'inconscio adolescente e negli abissi della regia, il film francese è diretto da Catherine Breillat, 53 anni, anche scrittrice, già autrice di 'Vergine taglia 36', con Charlotte Gainsbourg e di 'Romance' con Rocco Siffredi, interessata ai temi della sessualità femminile e del voyeurismo, spesso suscitatrice di scandalo (...) I suoi film possono risultare a volte irritanti, ma certamente sono fuori del comune e mostrano una sottigliezza psicologica davvero notevole. In 'A mia sorella!' è eccezionale la scelta delle due giovanissime interpreti: soprattutto di Anais Reboux che recita benissimo la parte della sorella minore". (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 15 giugno 2001)

"Benché appesantito dalle intenzioni dimostrative, nella prima parte il film si lascia apprezzare per intuito nella descrizione dei caratteri e precisione dei dettagli d'ambiente, facendosi credere un piccolo romanzo di formazione dal gusto amaro raccontato dal punto di vista di un'adolescente lucidamente ipersensibile. Ma all'improvviso Catherine Breillat cambia strada e lo conduce al gran galoppo verso un livido epilogo orrorifico con omicidi e violenza carnale ispirato a un episodio di cronaca". (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 17 giugno 2001).

"Un 'anti-cinema' originale e personalissimo, che non concede a, che s'aggrappa a se stesso per sfiducia cosmica e relativismo pragmatico. Se avete qualche ricordo bruciato sotto il sole di una vostra estate calda, ecco il film che potrebbe risvegliare in voi memorie rimosse e mai sopite". (Aldo Fittante, 'Film Tv', 24 giugno 2001)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy