Welcome Home

Aaron Paul, Emily Ratajkowski e Riccardo Scamarcio: tra airbnb e streaming, un triangolo thriller (assai) perfettibile

12 Luglio 2019
1,5/5
Welcome Home

Come ti risolvo la crisi di coppia. Conosciutisi su Tinder, ingolfati dal tradimento di lei, gli americani Bryan (Aaron Paul) e Cassie (Emily Ratajkowski) provano a darsi una seconda possibilità con una lussuosa vacanza in Italia: la meta prescelta è un ex monastero con vigna annessa nei dintorni di Todi, preso in affitto sul sito stile Airbnb “Welcome Home”, da cui il titolo.

Regia inane di George Ratliff, voltaggio – almeno nelle intenzioni – thriller, italiano non è solo il paesaggio, ma anche parte del cast: Francesco Acquaroli (samurai della serie Suburra) e soprattutto Riccardo Scamarcio, nei panni del vicino di podere Federico, tutto gentilezza, fascino e mistero. Sarà lui il terzo vertice del proverbiale triangolo, addossando sulle spalle del “povero” Bryan altre paranoie: ci fa o ci è, e chi è, questo indigeno maestro della manipolazione e dell’inganno?

Pur senza far vedere nulla, la curvilinea Ratajkowski fa più docce della Fenech che fu, mentre Paul continua a dilapidare il credito di Breaking Bad, e Scamarcio? Va bene il prospetto internazionale, ma scegliere meglio, anche nella periferia dell’impero, è possibile, anzi, auspicabile. Si manifestava una volta, e riviene buonissimo: Yankee Go Home.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy