Tre volti

Con una “piccola” idea, Jafar Panahi realizza un grande film sulla condizione della donna, e del cinema, nell’Iran di oggi. Premiato per la sceneggiatura a Cannes 2018

28 Novembre 2018
4/5
Tre volti

A volte basta una “piccola” idea per portare sullo schermo un grande tema. Jafar Panahi, regista iraniano dissidente, a cui il regime da tempo ha vietato di realizzare film e di lasciare il paese, lo dimostra anche questa volta con Three Faces.

L’idea è questa: una giovane aspirante attrice (Marziyeh Rezaei) filma il proprio suicidio con uno smartphone, supplicando per l’ennesima (?) volta la star iraniana Benhaz Jafari di prendere a cuore la sua situazione, di ragazza osteggiata dalla famiglia e dalla comunità locale nel poter perseguire il proprio sogno.

Benhaz Jafari, sconvolta, parte insieme al regista Jafar Panahi alla volta di quel villaggio remoto, per sincerarsi che quel video sia una messa in scena.

Dopo l’Orso d’Oro a Berlino per Taxi Teheran (2015) e il corto-documentario Où en êtes-vous Jafar Panahi?, il regista de Il cerchio e Oro rosso riflette sull’attuale condizione della donna, e del cinema, nell’Iran di oggi.

Lo fa partendo da un mistero, la cui risoluzione dovrà necessariamente passare per le contraddizioni di un paese andate a scovare nelle viscere delle sue più arcaiche convinzioni.

È lì, in quel remoto villaggio nel nordest dell’Iran, raggiunto dopo un lungo viaggio in auto (caratteristica, questa del road-movie nella sua declinazione più intimistica, tanto cara al cinema iraniano di alta esportazione, si pensi al compianto Kiarostami e allo stesso, già citato Taxi Teheran), che il reale “svelamento” di Three Faces si compie.

Tre volti, tre epoche differenti, e un paradosso: i tre volti sono quelli dell’attrice affermata, dell’attrice emergente e dell’attrice reietta, una donna che “faceva film” prima della Rivoluzione del ’79 e ora vive da reclusa in una casetta al di fuori del villaggio (non la vedremo mai).

Il paradosso è quello legato al villaggio stesso, ai suoi abitanti, alla famiglia della ragazza, per loro scomparsa da tre giorni: Panahi e Benhaz Jafari vengono accolti con estrema cortesia, con l’attrice omaggiata in ogni modo possibile.

Per quale motivo, allora, sarebbe un disonore per la giovane Marziyeh entrare al conservatorio e tentare di seguire quella stessa strada? E perché l’altra attrice, quella del passato, si tiene ai margini della comunità?

Panahi – che nel film si ritaglia nulla più che il ruolo dell’autista, accompagnatore, “traghettatore” – si inserisce in questa contraddizione, continuando a far sì che il racconto proceda su questa continua sospensione tra realtà e finzione, sospensione su cui sin dall’inizio (con la Jafari che sospetta sia tutto un suo inganno ripensando a quella volta che le parlò di uno script basato su un suicidio…) il regista ha costruito l’intera operazione.

E fa in modo che la centralità della donna abbia il sopravvento non solo per la risoluzione narrativa, ma anche nel lascito del film stesso sul nostro immaginario, restando al di qua e inquadrando al di là del parabrezza l’incedere delle due attrici su quella mulattiera, mentre si allontanano per sparire dietro a un tornante, con tre camion che procedono in senso opposto, in direzione del villaggio, trasportando enormi giovenche per farle accoppiare con i tori locali.

Essenziale. Importantissimo.

Lascia una recensione

8 Commenti on "Tre volti"

avatar
più nuovi più vecchi più votati
antonio sesto
Ospite

È uno dei film più noiosi che mi sia capitato di vedere. Tutte le scene durano troppo, annoiano, addormentano. I dialoghi riescono anche ad essere più noiosi delle scene. Non è un film, è un documentario noioso. Tra l’altro doppiato veramente male.

Stefano
Ospite

Giralo tu un film migliore con i mezzi a disposizione di Jafar Panahi a cui è vietato girare ed uscire dal Paese, continuamente pedinato dalla polizia e più volte arrestato.

Franca
Ospite

Un fuoristrada che gira senza permesso, un set montato su quattro ruote, un docu-film illegale nel paese dove viene girato. Nonostante le difficoltà a Panahi rimane la voglia di raccontare l’Iran, con i suoi lati negativi, ma anche con quelli positivi (vedi l’ospitalità e l’accoglienza di questo meraviglioso popolo), permettendoci di conoscere, come se fossimo in viaggio con lui.

Valengher
Ospite

Taxi Teheran aveva senso e ritmo. Questo film è una noia mortale, senza capo né coda, può piacere ai reduci dell’esistenzialismo francese degli anni ‘70. Si dorme. Non capisco i quattro pallini del corriere della sera.

Francesco
Ospite

Piu’ che quattro stelle o pallini direi quattro palle, perche’ per indicare quanto sia noioso e lento questo film dire due palle e’ troppo poco. Seguo il regista da anni e non perdo mai un suo film ma stavolta siamo davvero fuori strada…Roba gia’ vista, temi gia’ trattati, nulla di nuovo insomma salvo la trovata iniziale del finto suicidio. Un docu-film che non incide Consigliato a chi soffre d’insonnia, sconsigliato agli altri.

tina
Ospite
ho trovato il film ripetitivo, i dialoghi molto noiosi, ( quasi sempre ad una domanda la risposta inizia con la ripetizione della domanda) una condizione già vista e vissuta, ( nel nostro paese, in qualche paesino di montagna, sfido qualsiasi ragazza a fare l’attrice) certo, qui ci sono le condizioni di girare un film in un paese come l’Iran con i quasi nulla mezzi a disposizione, il racconto della condizione femminile in un paesino di montagna………………in effetti di bocciare tutto il film non me la sento, ma dire che mi è piaciuto nemmeno, dovrei rivederlo, ma davvero non so se… Leggi il resto »
Claudia Michelesi
Ospite

Posso capire le difficoltà del regista, ma nessuno lo obbliga a girare un film in condizioni così difficili per annoiare così tanto. Lunghezza dei tempi reale

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy