Quanto basta

La rinascita al quadrato di uno chef irascibile e un allievo disturbato: purtroppo, di cinema non c'è quanto basta

6 Aprile 2018
2,5/5
Quanto basta

Chef talentuoso, ma finito dentro per rissa. E così l’irascibile Arturo (Vinicio Marchioni) deve scontare la pena ai servizi sociali: gli capita in sorte un centro per ragazzi autistici guidato da Anna (Valeria Solarino). Lì incontra Guido (Luigi Fedele), che ha la sindrome di Asperger e una grande passione per la cucina: l’amicizia aiuterà entrambi.

E’ Quanto basta, diretto da Francesco Falaschi, al quarto lungometraggio. Il tema della doppia rinascita non è inedito, nemmeno l’esplorazione dell’Asperger, peraltro eliminata dal manuale diagnostico (DSM-V), per tacere della corrente fortuna cinetelevisiva dei cuochi: insomma, la novità non abita qui.

Però qualcosa di buono c’è, ovvero qualche interpretazione: Marchioni è solido, Alessandro Haber, nei panni del suo maestro, una garanzia, a incantare però è Luigi Fedele, che già avevamo apprezzato in Piuma e qui si mette anima e disturbo in Guido. Negativa, viceversa, al prova della Solarino, e il filarino della sua Anna con Arturo è tanto puerile quanto emendabile.

Non resta molto altro da aggiungere, i confini sono quelli del compitino, il mood pro bono, la solidarietà diffusa, il cinema un po’ pochino. Sì, di cinema non c’è quanto basta.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy