Personal Shopper

Olivier Assayas girà una delle sue opere più ambizione e imperfette, un'affascinante interrogazione sul negativo (del cinema, della vita) con un'ottima Kristen Stewart

12 aprile 2017
4/5
Personal Shopper
Personal Shopper di Olivier Assayas

Personal Shopper di Olivier Assayas  è un’opera di esagerate ambizioni, che incappa spesso e volentieri in soluzioni improbabili.
S’incarta persino. Quando viene meno la fiducia ecco che bisogna ampliare la trama, ricamarci intorno, confondere le tracce, muovere i personaggi, aggiungerne.

Horror vacui? Piuttosto una sceneggiatura scritta in maniera approssimativa. Forse addirittura non scritta, come pare ammettere l’autore nel divertente intermezzo dedicato a Victor Hugo. Lo scrittore è in esilio e desidera comunicare con gli spiriti, i quali che però non comunicano con la lingua ma spostando tavolini.

Ed è un film, questo, di spostamenti continui, di transizioni solo percepite, di falsi movimenti. Da una città all’altra: Parigi, Milano, Londra. Da una boutique all’altra. Da una camera all’altra. Da un desiderio all’altro. Da una dimensione all’altra, terrena/ultraterrena. E al centro della scena, come alla periferia, sempre lei, la personal shopper.

Un’ottima Kristen Stewart riprende il ruolo di celebrity assistant che Assayas le aveva già assegnato nel precedente Sils Maria.
Stavolta, nei panni di Maureen Cartwright, è la galoppina per un’atelier design conosciuta come Kira. Gira l’Europa ritirando capi di abbigliamento, accessori e gioielli che l’altra poi indosserà. Per Maureen provarli è proibito, la cosa la fa soffrire parecchio.

A tormentarla non poco è anche la recente perdita del fratello gemello, Lewis. Maureen aspetta di ricevere da lui un segnale che le faccia sapere che sta bene, che è in pace. Perché Maureen è una medium, proprio come lo era Lewis.

Due lati apparentemente inconciliabili – il culto dell’apparenza da una parte, la ricerca di una realtà ultra-fenomenica dall’altra – indicano la bisettrice tematica, emotiva e poetica inseguita con affanno dal regista. Dimensioni che restano però solo giustapposte, creando perciò più di un grattacapo a chi (personaggio e spettatore) vorrebbe ricucirle a forza di espedienti.

Maureen, personaggio ricco di mistero, desiderante, turbato e contraddittorio come il suo pigmalione, è un altro avvincente doppio nell’opera bifronte del francese. Che qui si spinge in territori inediti, nell’horror, nella ghost story, nello spiritualismo, nella paura dell’ignoto. È come se tutto il film si trovasse tra due forze, preso in mezzo. Ma preso in mezzo da chi?

Assayas non lo dice, traccia un cerchio, aprendo e chiudendo con la stessa domanda. Cosa c’è oltre i bordi dello schermo: un altro schermo? Il cinema è ancora il doppio della realtà o questa, in definitiva, è il doppio del cinema? E poi, è ancora il regista a domandarlo o il fantasma (del suo desiderio)?

Personal Shopper affascina e disturba perché si spinge oltre il patto conosciuto tra autore e spettatore, oltre lo stesso confine dell’opera d’autore, in definitiva oltre il cinema e la vita.

La messa in abisso è qui letterale: c’è uno sguardo rivolto a uno sguardo che avanza a mosca cieco nel buio. Attirato e atterrito da quel nero che, potendo, inghiottirebbe tutto. È un tentativo folle, suicida quasi, di realizzare un film sul negativo.

A memoria non ricordiamo un gesto cinematografico altrettanto solitario e coraggioso. Non si tratta più di dire della morte del cinema – e per estensione, dato il rapporto gemellare, del reale – ma di familiarizzare già con il suo fantasma (ma è davvero fraterno lo spettro che cerca Maureen, e con lei Assayas?). Così, non si procede più per segmenti narrativi o per raccordi di stile, ma balenando a intermittenza, inseguendo  lo sfarfallio tra dissolvenze in nero (e infine in bianco…).

Film senza controcampo né fuoricampo, monologante e respingente. Terrificato più che terrificante, come proteso su un invisibile precipizio dove forse è ancora possibile scorgere cinema e vita, ma non più nelle forme e nei modi che conosciamo.

9
Lascia una recensione

avatar
4 Comment threads
5 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
8 Comment authors
Anita SeubertPaolo CarelliSimonetta PuscedduPamelo PamiMaurizio Avellino Recent comment authors
più nuovi più vecchi più votati
d89
Ospite
d89

ma soprattutto il finale?!?!? non ha alcun senso, ha messo cose a caso insieme senza un nesso logico.

Maurizio Avellino
Ospite
Maurizio Avellino

concordo in toto ho appena finito di vedere questa accozzaglia di minchiate chiamata film
lars von trier era un coglione ma questo lo batte di parecchie lunghezze
e’ morta ? e’ viva ? e’ una cazzata punto….

Pamelo Pami
Ospite
Pamelo Pami

E ancora più cazzone é chi scrive recensioni del genere. Anche perché PER RISPETTO DEL PUBBLICO che legge e che non é idiota, van dette le cose come stanno: Personal Shopper é un film di serie “G”, senza capo né coda, con pochissimi spunti narrativi e con metá film incentrato sugli SMS anonimi che arrivano alla protagonista del film. Messaggini, ovviamente in inglese, che quindi comportano l’obbligatorietá della lettura dei sottotitoli nella lingua scelta. PECCATO CHE I SOTTOTITOLI SIANO SPESSO BIANCHI SU SCENE CHIARE!!!! Per non dire di riprese raffazzonate, qualitá del girato che sembra fatto da un iPhone in… Leggi il resto »

Diego Pucci
Ospite

Ma quante minchiate scrivi? É un film terribile. Assolutamente da non vedere! Insensato, lento, vuoto. In definitiva: brutto.

Gianluca Arnone
Ospite
Gianluca Arnone

Una volta c’erano spettatori assennati, veloci di pensiero, ricchi dentro. In definitiva: migliori.

Diego Pucci
Ospite

E’ una critica da “artistoide”, forzata per trovare aspetti positivi in un film ed in una sceneggiatura povera, lenta ed illogica. Il resto sono appunto baggianate da “artistoide” con laurea DAMS e calzini colorati fino alle ginocchia. Adios

Simonetta Pusceddu
Ospite
Simonetta Pusceddu

Io l’ho trovato fighissimo! Emozionante sino alla fine! Ma de gustibus!

Paolo Carelli
Ospite
Paolo Carelli

Film davvero intrigante, straniante e che analizza in maniera geniale la comunicazione umana in una era digitale che ormai trascende i nostri corpi. Bella recensione, peccato per i commenti di coloro che sarebbe meglio si limitassero a guardare i film da blockbuster non avendo né la sensibilità né la preparazione culturale per guardare altro.

Anita Seubert
Ospite
Anita Seubert

Boh… Io l’ho trovato inconcludente… Troppa carne al fuoco. Non è un thriller né un horror… Non conclude e non porta a termine né l’uno né l’altro… Lei mi piace un sacco. Dopo che l’ho vista nel film “Biancaneve e il cacciatore” mi ha sempre intrigata. Bella anche fisicamente. Intensa nello sguardo. Ho letto alcune spiegazioni e…tutto sommato qualcuna mi ha convinta ma perchè allora non ci sono arrivata da sola? Perchè il film non mi ha trasmesso ciò che ho letto? Nella mia vita avrò visto un migliaio di film, ho studiato Storia del Cinema ed ho lavorato nell’ambiente… Leggi il resto »

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy