Maleficent – Signora del male

Torna la strega Angelina Jolie, ma è cattiva davvero? Il sequel Disney offre tre donne e tre mondi diversi, ma senza entusiasmare

16 Ottobre 2019
2,5/5
Maleficent – Signora del male

In principio fu il tradimento, poi la vendetta, quindi l’amore. Sicché tra “mamma” Malefica e “figlia” Aurora il sole è tornato a sorridere, ma quanto può durare? La risposta, cinque anni dopo il primo capitolo (2014), è Maleficent Signora del male, regia di Joachim Rønning e sottotitolo, peraltro, di dubbia attribuzione.

Aurora (Elle Fanning) è in procinto di convolare con il principe Filippo (Harris Dickinson), e sarebbero giuste nozze: unire il regno di Ulstead alla Brughiera, per coronare politicamente l’e vissero felici e contenti. Ma Malefica (Angelina Jolie) come accoglierà la notizia? Sopra tutto, al riguardo che trama la regina Ingrid (Michelle Pfeiffer)?

Tre donne, tre modi di intendere il potere, la famiglia, l’amore: lo scontro è dietro l’angolo, e non farà prigionieri.

Nel cast Sam Riley, Imelda Staunton, Juno Temple, Lesley Manville e Chiwetel Ejiofor, il fantasy Disney fa di Zeitgeist (girl power, diversità, ambiente, tolleranza) necessità di scrittura, più che virtù poetica: Aurora è soffocata se non disutile, Malefica dimezzata, l’unica a tenere botta è Ingrid e la sua ragion di Stato.

Noia in campo, drammaturgia a lenta carburazione, per fortuna la regina è cattivella e qualche scena della finale battaglia merita, ma per il resto si vivacchia fino al volemose bene. Al più, si finisce capre. Imbelle, innocuo, altro che malefico.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy