La isla mínima

Un True Detective nella Spagna (post)franchista: politico, lucido, godibile. E pluri-premiato

2 Dicembre 2015
4/5
La isla mínima

1980: la Spagna che (non) esce dal franchismo, un serial killer di ragazzine e due detective. Regia di Alberto Rodríguez, La isla mínima è una sorta di True Detective iberico, ma ad alto voltaggio politico: per fare carriera, che cosa siamo disposti a tacere, meglio, ignorare?

A indagare sono Juan (Gutiérrez), che piscia sangue e ha tanti scheletri nell’armadio, e Pedro (Arévalo), l’uomo nuovo della Spagna post-franchista: è moderno, progressista, parla gentile e condiscendente con la moglie al telefono, dei due è il poliziotto buono. Non potrebbero essere più distanti, eppure, devono collaborare: la risoluzione del caso ipoteca il loro futuro. Indagano, e la realtà – prima che la verità: è rintracciabile la verità? – che viene letteralmente a galla sa di putrefazione allargata, connivenze e omertà: chi è colpevole, se non l’intero villaggio alla foce del Guadalquivir?

Le ultime vittime, due sorelle, illuminano una palude che non è solo fisica, ma morale: padri correi, ragazzi dal coltello facile, ricchi depravati. Noir più che thriller da 10 premi Goya, La isla mínima ha regia pulita  e calzante, interpreti senza fronzoli ed efficaci e, soprattutto, la capacità di fare del genere grimaldello sociopolitico.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy