Hotel Gagarin

Commedia sospesa tra la doppia natura del cinema, da truffaldino a fabbrica dei sogni: l’esordio di Spada è un delicato e poetico atto d’amore nei confronti della settima arte

21 Maggio 2018
3,5/5
Hotel Gagarin

Cinque italiani spiantati e in cerca di un’occasione vengono mandati a girare un film in Armenia. Appena arrivati scoppia una guerra e il produttore che (teoricamente) doveva finanziare il lungometraggio sparisce con i soldi.

Isolati all’Hotel Gagarin, un posto sperduto in mezzo ai boschi e circondato dalla neve, troveranno il modo di inventarsi un’originale occasione di felicità che non potranno mai dimenticare.

La sgangherata compagnia di questa commedia poetica e divertente è composta da Claudio Amendola, Luca Argentero, Giuseppe Battiston, Barbara Bobulova, Silvia D’Amico, Caterina Shulha e Philippe Leroy.

Un cast affiatato e ben assortito che ci porta con leggerezza nel mondo dei sogni e del cinema. Proprio come Gagarin, primo uomo a volare nello spazio, i protagonisti dell’opera prima di Simone Spada ci condurranno così in un viaggio onirico e pieno di speranze.

Grazie al potere dell’immaginazione il decadente Hotel Gagarin si trasformerà pian piano in una specie di navicella spaziale dove tutta la gente del villaggio vicino accorrerà perché lì si girano i sogni.

C’è chi desidera essere un funambolo, chi invece vorrebbe per un attimo essere Humphrey Bogart, chi chiede di assistere a un concerto a Wembley e infine chi sogna di visitare New York.

In Nuovo cinema paradiso di Tornatore la gente si ritrovava nel cinema del piccolo paesino siciliano pronta ad accogliere le emozioni regalate dalle pellicole, qui all’Hotel Gagarin il popolo armeno arriverà cercando di avverare i propri sogni. In entrambi i casi il cinema è magia.

Il film di Simone Spada (qui all’esordio dietro la macchina da presa dopo una lunga esperienza come aiuto regista) è quindi una commedia romantica e visionaria in grado di emozionare e di farci volare con la fantasia, nonostante si svolga tutto in un unico ambiente, e di farci sognare come i suoi protagonisti.

Gagarin disse: “La terra vista dallo spazio è un posto bellissimo senza confini né barriere”. Hotel Gagarin ci ricorda che anche il cinema è un luogo meraviglioso, senza frontiere. Per tornare all’idea primordiale della settima arte, non a caso definita “la fabbrica dei sogni”.

Lascia una recensione

7 Commenti on "Hotel Gagarin"

avatar
più nuovi più vecchi più votati
Vittoria
Ospite
Questo che segue è il post che ho pubblicato su Facebook poco fa. Premetto che ho deciso di esternare/condividere questo momento per esprimere semplicemente un mio attimo di commozione (mi accade così raramente!), perché considero Facebook anche una sorta di diario pubblico, oltre che una vetrina x esposizione di merce varia. Di certo non lo faccio per (e non lo desidero affatto) sollecitare commenti più o meno commiseratori, pietisti e/o stucchevolmente speranzosi. Di rientro dalla visione di un film, un bel film, sono di nuovo con le lacrime agli occhi al pensiero di quella scena. In quella pellicola ci sono… Leggi il resto »
Marzia
Ospite

Sono molto curiosa di vederlo,dopo una così bella recensione ?

Piero Piccardi
Ospite

anche a me il film e’ piaciuto molto e mi ha fatto pensare a Lo sceicco bianco il primo film di Fellini. Auguro a Simone Spada, bravissimo, la stessa fortuna

Luca
Ospite

Bellissimo film. Mostra al pubblico l’orgoglio dei sognatori, e il loro diritto di sognare.

Nico
Ospite

Penso uno dei film più belli tra tutti quelli che ho visto negli ultimi anni. Un finale in parte atteso ed in parte sorpreso, che ti lascia un po’ di amaro in bocca, ma in fondo se ci pensi, anche il cioccolato amaro può esser dolce…

Gianfranco Piccioli
Ospite

?a cinque stelle molto ben diretto e con un cast ben assortito complimenti a spada

Marcello
Ospite

Una cagata pazzesca

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy