Dune

Denis Villeneuve prende da Frank Herbert e plasma una fantascienza antropologica e sensitiva: Fuori Concorso, con ampi meriti

3 Settembre 2021
4/5
Dune

Non più umanista come in Arrival (2016), bensì antropologica ed etnografica, magica e sciamanica: Denis Villeneuve trova nuovi attributi alla fantascienza qui e ora con Dune, la prima parte del dittico che adatta il celebre romanzo sci-fi del 1965 di Frank Herbert.

Si era già cimentato David Lynch nel 1984 con esiti controversi, ci aveva già provato Alejandro Jodorowski senza concludere, ma a Villeneuve non tremano i polsi: la sua trasposizione è avvincente, poderosa, sottile e febbrile, dal 16 settembre la troveremo in sala con Warner Bros., dopo questa anteprima mondiale alla Mostra di Venezia.

Fuori concorso, ma potrebbe competere senza patemi per il Leone: dalla fotografia (Greig Fraser) ai costumi (Jacqueline West), dalla scenografia (Patrice Vermette) alle musiche (Hans Zimmer), dai fondamentali effetti visivi (Paul Lambert) a quelli speciali (Gerd Nefzer), tecnicamente è indiscutibile – e chissà per quanti Oscar concorrerà – ma la sceneggiatura, co-firmata dallo stesso Villeneuve, e le prove attoriali, a partire dal protagonista Timothée Chalamet, conducono in un’altra dimensione, a una guida galattica per autori dentro il Sistema, a un guadagno poetico che è ben più della somma dei dipartimenti.

Nel cast all star Rebecca Ferguson, Oscar Isaac, Josh Brolin, Stellan Skarsgård, Dave Bautista, Zendaya, nonché Charlotte Rampling, Jason Momoa e Javier Bardem, Dune inquadra il viaggio dell’(anti)eroe Paul Atreides, garibaldino per raddoppio, sensitivo per facoltà, prescelto per missione: Chalamet gli concede silhouette, fremiti e sofferenza come si conviene, riuscendo a triangolare tra fede, istinto e destino, ovvero sangue, natura e libero arbitrio con agio ed eleganza.

Villeneuve fa di Herbert un apologo dell’adattamento, del cambiare o morire, portando sul grande schermo un’epopea tanto conflittuale, gli Atreides e gli Arkonnen, quanto subliminale, tanto tonitruante – ma mai fracassona – quanto centripeta, in cui il carburante si dice spezia ma si vuole sogno. Il senso del regista canadese per la fantascienza è la premonizione e l’empatia, doti che ne plasmano anche gli effetti visivi: la scala di grandezza non è titanica, ma irrimediabilmente umana, questo Herbert echeggia tanto Shakespeare che i mondi possibili, tanto l’antropologia visiva che la guerra di mondi.

È un film rotondo, pieno, equilibrato, malgrado la seconda parte sia meno drammaturgicamente solida della prima, ed è un film dal passo lungo, e non solo per il sequel in cantiere: si prova demiurgo Villeneuve, firmando con Herbert una science fiction adulta, fascinosa, calibrata e risuonante.

Di Chalamet abbiamo detto, il passo a due alchemico con Rebecca Ferguson, ovvero la madre Lady Jessica, è sapido e alchemico, bene anche Zendaya nei panni dell’indigena Fremen Chani, che prenderà il comando nel secondo capitolo, mentre sia Momoa (Duncan) che Brolin (Gurney)  e Bardem (Stilgar) sanno andare oltre la mera muscolarità, per tacere di Isaac, il Duca padre di Paul, che ha uno spin crepuscolare.

Quantità e qualità, dimensioni e sentimento, Dune ha tutto per lasciare il segno nella fantascienza d’inizio Terzo Millennio.

Lascia una recensione

2 Commenti on "Dune"

avatar
più nuovi più vecchi più votati
Andrea F
Ospite

Ancora più difficile aspettare questo 16 settembre in sala… Quando la recensione è un piacere da leggere, come questa, allora sono tranquillo che il film che l’ha ispirata è un gran film.

Claudio
Ospite
Il film prende varie strade e le sviluppa bene , ma non affonda mai . Il regista prende bene la strada ad evocazione della cultura araba dei Freeman ma rimane in superficie, prende bene i ritmi tra il lento e il rapido filmico ma non sa amalgamarli , Gli Harkonnen sono collocati nelle forme fotografiche e sceniche giuste ma la loro negativita’ viene solo narrata mai resa palese , La Figura di Paul Atreides impersonato da Chamelet è quasi un vero disastro , credibile come adolescente tormentato, ma vederlo come futuro messia lo rende poco credibile, come attore è ancora… Leggi il resto »
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy